BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

ALITALIA/ Galiotto (Anpac): referendum irregolare, è solo un modo per farci fuori

InfophotoInfophoto

L’unica cosa essenziale per la trattativa con Etihad è l’accordo quadro che è stato firmato da tutti i sindacati con l’esclusione di Cgil e Usb. La restante parte della trattativa si è svolta su temi che a Etihad interessano poco o nulla. A essere in gioco per i dipendenti è la possibilità di autodeterminare democraticamente le loro modalità di lavoro nel futuro. È quindi una questione di democrazia e non di autoreferenzialità come ho letto da qualche parte. Si tratta di lasciare la possibilità alle sigle che hanno iscritti di potere trattare, negoziare e decidere se un contratto va o meno bene. Il contratto nazionale è stato inserito impropriamente in questa trattativa su Alitalia.

 

Con quali obiettivi?

Abbiamo la sgradevole sensazione che sottenda il tentativo di togliere la rappresentatività e la possibilità per i lavoratori di essere iscritti in sigle diverse dal sindacato confederale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.