BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ Sindacati e soci, una guerra in cui si "nasconde" Renzi

Pubblicazione:sabato 26 luglio 2014

Infophoto Infophoto

Come ha ricordato Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, questa operazione molto importante per i risvolti occupazionali e strategici (collegamenti aerei e turismo) del Paese non sta vedendo impegnato in prima linea il “rottamatore” Renzi. Forse semplicemente perché alla fine sarebbe “mister 41%” a uscirne con le ossa rotte. Alla faccia di svolte e riforme.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
26/07/2014 - Spero fallisca (Antonio Ferri)

L'accordo con Etihad, oltre che degli arabi, è solo nell'interesse dei dipendenti e dei soliti pochi altri (esempio famiglia Benetton attivissimo azionista di CAI e ADR ma anche proprietaria delle aree a nord dell'aeroporto interessate allo eventuale sviluppo dello scalo) ma non certo dell'intero paese. Tra gli ingredienti del piano ci sono infatti provvedimenti anti liberalizzazione come limitazioni per le compagnie low cost e restrizioni su alcuni aeroporti imposti dagli arabi per favorire e proteggere il business di Alitalia e Etihad. Questo non mi pare sia interesse del paese pertanto auspico il fallimento dell'accordo e non mi interessa se per mano dei sindacati, delle banche o della CEE con cui prima o poi dovranno fare i conti.

 
26/07/2014 - ANALISI CORRETTA MA... (Guido Gazzoli)

..ci si dovrebbe chiedere chi in questi 5 anni ha portato CAI al fallimento nonostante gli oltre 5 mld di euro e altri benefits ricevuti dallo Stato ? Allora..chi rompe PAGA..ma è possibile che devono pagare quelli che ormai da anni hanno lowcostizzato il loro costo e oltretutto sono in sottorganico ? Ma è possibile che le stesse organizzazioni sindacali che usano le stesse parole del 2008 siano così imbecilli da non vedere la realtà e vergognarsi ? Ormai l'Italia è FINITA miei cari..si salvi chi può..un'Italia alla fame dove si sperperano capitali nell'ignoranza più assoluta e dove ancora in Parlamento esistono gli stenografi !!! Strapagati come tutto il personale e deputati e senatori..per loro si parla di tagli FORSE nel 2018... Andiamo!!!