BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA E POLITICA/ Europa, "l'aiutino" che può arrivare dagli Usa

Janet Yellen, a capo della Fed (Infophoto)Janet Yellen, a capo della Fed (Infophoto)

Quello che determina il comportamento degli investitori è lo stato dell’economia, strutturale e contingente. Ad esempio la crisi ucraina e il rimpallo di sanzioni e controsanzioni ha già provocato un deflusso di capitali. E per quanto riguarda l’Italia consiglio di leggere il giudizio di Bridgewater, forse il più grande hedge fund del mondo, riportato mercoledì da Fubini su Repubblica: lo spread sul Bund è troppo basso, non riflette la situazione di deterioramento del nostro Paese. Quindi guardiamo pure a quello che succede a Jackson Hole, e alle decisioni delle banche centrali, ma non pigliamoli come un diversivo rispetto ai problemi di casa nostra: quelli nessuno li risolve al posto nostro.

 

Ha senso che la Bce adotti politiche di quantitative easing nel momento in cui la Fed rinuncia ad attuarle?

L’Eurozona è la sola area economica in crisi: crescita ancora inferiore alle già anemiche previsioni, disoccupazione, rischio di deflazione. È chiaro che la Bce è sotto tiro. Per alcuni dipende dalla natura stessa della banca, che non risponde a un unico potere politico, ma che è veramente indipendente. Per altri dipende dalla definizione del suo mandato. Wolfgang Munchau sul Financial Times ha attaccato il suo modello economico. Ma c’è un generale consenso che il quantitative easing da noi non servirebbe: “Gli strumenti della Fed non miglioreranno i mali dell’Europa” ha scritto Phillipp Hildebrand, ex presidente della Banca Nazionale Svizzera. I titoli di stato sono già a rendimenti bassissimi, gli altri mercati si cui operare sono da noi molto più piccoli che negli Usa. L’effetto sul cambio sarebbe modesto: meglio se lo fa la Yellen. Per contro il quantitative easing, consentendo ai governi di indebitarsi a costo minore, rischia di offrire ai politici una certa via d’uscita.

 

Lei che cosa ne pensa di questa posizione?

Io continuo a trovare queste discussioni un argomento intellettualmente molto interessante. Ma noi di quei fatti siamo spettatori, anche se spettatori interessati: non siamo noi a influire sul risultato della partita. Guardiamo invece alle partite dove giochiamo noi. Perché la Spagna e fin la Grecia van meglio di noi? I nostri problemi si chiamano lavoro, giustizia, fisco, scuola, sanità. Risolverli dipende da noi, non da Draghi o dalla Yellen. O li risolviamo noi, o non li risolve nessuno.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.