BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEO-FINANZA/ La guerra (non dichiarata) degli Usa al resto del mondo

Pubblicazione:domenica 24 agosto 2014

Infophoto Infophoto

Dietro l’urgenza dei singoli eventi critici (la crisi economico-finanziaria del 2007-2008, le “primavere arabe”, la guerra civile siriana, la crisi in Ucraina) si profila, infatti, una crisi più comprensiva di tutte le determinanti fondamentali dell’ordine internazionale, dal progetto eccezionalmente ambizioso di ordine concepito agli inizi degli anni ‘90 su iniziativa americana, alla legittimità delle istituzioni interne e internazionali che avrebbero dovuto sostenerlo, fino allo smottamento dello stesso ordinamento politico-giuridico in senso lato “moderno”, edificato sulla duplice centralità dell’Occidente nel mondo e dello Stato in Occidente.

La domanda pressante sul tavolo di tutti i leader mondiali è la seguente: se il dollaro americano è la pietra miliare del sistema euro-americano e mondiale instauratosi dopo il 1945, con quali strumenti si può perpetuare quella dominanza che finora è stata garantita dagli accordi di Bretton Woods, dalla Nato e dalla superiorità militare e nucleare?

La prima leadership che è irrinunciabile per gli Usa è la dominanza nei rapporti transatlantici, senza i quali si vedrebbero ridotti al ruolo che essi avevano prima della Prima guerra mondiale. Si tratta comunque di una retrocessione di un secolo per diventare un attore influente solo nell’emisfero occidentale del mondo. La seconda leadership che è necessaria per gli Usa per mantenere un vantaggio mondiale è nei confronti della Russia, sul piano geostrategico, e dei Brics, sul piano finanziario. La guerra in Ucraina e le tensioni da nuova Guerra fredda non sembrano affatto sufficienti.

Il caos mondiale, come dicevamo, non è cosa nuova. Tuttavia, con i mezzi di oggi si può tentare di governarlo cercando di trarne profitto. Questo sembra essere il messaggio di guerra non dichiarata degli Usa al resto del mondo.

 

(3- fine)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
24/08/2014 - Egemonia (Renato Mazzieri)

Rispetto al capitale finanziario (il vero imperialismo globale), tutti gli stati, compresi gli USA, sono un semplice mezzo per mantenere l'ordine. Niente di più.