BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

MARCHIONNE/ Fortis: per cambiare l'Italia si "sacrifichi" il settore pubblico

Sergio Marchionne (Infophoto)Sergio Marchionne (Infophoto)

Abbiamo per esempio l’aspetto della sanità, su cui oggi c’è la possibilità di detrarre le spese mediche anche per persone che hanno redditi fino a 15-20mila euro mensili netti.

 

Il bonus degli 80 euro però è sembrato non produrre risultati …

I consumi delle famiglie sono aumentate dello 0,1% sia nel primo sia nel secondo trimestre 2014, e lo ritengo già un primo dato positivo. Non sono certamente d’accordo con quanti affermano che gli 80 euro non sono serviti a nulla solo perché a giugno sono cadute le vendite al dettaglio, che è un dato piuttosto marginale.

 

Infine, quanto ritiene che siano preoccupanti i dati sull’occupazione?

Nel secondo trimestre 2014 l’occupazione nel Nord Italia è aumentata dello 0,3% rispetto al secondo trimestre 2013, al Centro è cresciuta dello 0,8% e al Sud è caduta dell’1,5%. L’Italia insomma non è tutta uguale, anche per quanto riguarda i settori. L’industria a livello nazionale in un anno ha aumentato l’occupazione del 2,8%, con un +3% al Nord, +6,6% al Centro e un -2% al Sud. A penalizzarci è il crollo del 3,8% dell’occupazione nelle costruzioni, pesante soprattutto al Centro e al Nord, e dei servizi che al Sud hanno registrato il -1,2%.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
31/08/2014 - MARCHIONNE (delfini paolo)

Marchionne e la Fiat, invece, oltre al fatto di avere spostato sede legale e fiscale all'estero, quali "sacrifici" hanno fatto per l'Italia?