BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BANCHE/ Quel “piccolo mondo antico” che può aiutare famiglie e Pmi

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La “mia” Bcc - per limitarmi a un esempio tra i moltissimi - nei primi anni del ‘900 acquistava terreni agricoli da affittare, a canoni agevolati, agli agricoltori meno strutturati, fornendo loro anche le prime macchine agricole. Questo per alcuni, con una punta di scherno, è un “piccolo mondo antico”, connotato socialmente da forme operative di solidarietà che oggi sono superate, sono cose un po’ polverose (come le carrozze a cavalli ...). Invece io mi chiedo: è ancora attuale questo impeto ideale di solidarietà? Se non lo è l’amara profezia di Doris arriverà a compimento, sarà solo una questione di tempo.

Come quindi provare ad affrontare le nuove sfide? Formulo due sintetiche osservazioni:

1- Il contesto sociale ed economico è profondamente cambiato, ma identiche - alla radice - sono le esigenze della famiglia che deve comprare casa, dell’imprenditore che lotta contro le difficoltà, del disoccupato, dell’agricoltore che deve ammodernare la propria azienda se non vuole soccombere, e via di seguito. Il mondo Bcc può efficacemente venire incontro a queste esigenze, e quindi proseguire la propria storia imprenditoriale, solo se - in modo non nostalgico - ritorna ad approfondire le proprie origini e le motivazioni che oltre un secolo fa hanno spinto uomini e donne di buona volontà a mettersi insieme per creare una rete di sostegno solidale. Gli uomini di allora - vedendo attorno a loro numerosi bisogni e dando retta alla propria umanità, che per sua natura è portata a interessarsi del bisogno dell’altro - hanno costruito una rete di solidarietà capillare, solida e professionale.

2- L’approfondimento di ciò che ha mosso alcuni a dare origine all’esperienza delle Bcc è l’unico metodo di lavoro che può aiutare chi le dirige e chi vi opera tutti i giorni a rimettersi in campo con una freschezza e creatività che sapranno farci instancabilmente ricercare e individuare le forme migliori per dare il proprio contributo alla vita del popolo nella nostra peculiare situazione storica.

A molti sembrerà astratto il nesso tra queste brevi riflessioni e la difficoltà delle situazioni che ogni giorno si presentano agli sportelli delle Bcc o ai tavoli dei loro Cda, ma sono certo che questa sia la sfida epocale a cui siamo chiamati, come nei difficilissimi anni a cavallo tra ‘800 e ‘900. Per noi l’opportunità è la medesima, oggi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.