BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ La "profezia" di McDonald's che avvicina una crisi

InfophofotoInfophofoto

P.S.: E come volevasi dimostrare, col passare dei giorni il bluff di Mario Draghi si svela sempre di più. Parlando a margine dell’Eurogruppo tenutosi venerdì a Milano, il governatore della Bce è stato infatti costretto ad ammettere che il programma di acquisto di titoli cartolarizzati Asset backed securities (Abs) e obbligazioni garantite da parte dell’Istituto di Francoforte, avrà una dimensione significativa ma è difficile dire la cifra, «preferiamo non farla». Per forza, come vi ho dimostrato dati alla mano del mercato Abs europeo, la cifra ipotizzata dall’Eurotower è assolutamente da fantascienza. Di più, il programma di acquisto di Abs sarà avviato indipendentemente dal fatto che i Paesi concedano o meno garanzie statali per le tranche meno rischiose, mentre per quanto riguarda le altre tranche, quelle cosiddette mezzanine e meno garantite, saranno invece necessarie garanzie statali. Quindi, senza garanzie niente acquisti e niente acquisti significa che le cartolarizzazioni più tossiche resteranno nei bilanci delle banche, le quali saranno quindi meno propense a riattivare il meccanismo del credito verso famiglie e imprese. Cosa vi avevo detto?

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
15/09/2014 - Sepolti dai debiti (Moeller Martin)

Quasi come si trattasse di un effetto collaterale, viene evidenziato che i soldi 'falsi' stampati dalla FED sono in realtà debiti per gli USA e che dovranno finanziarli e rifinanziarli per tutti gli anni a venire compromettendo qualsiasi margine di intervento per decenni. Si tratta di una situazione che in Italia conosciamo anche troppo bene! E come se non bastasse, i loro rivali e concorrenti in Europa non li stanno seguendo in questa follia. Se 'mal comune è mezzo gaudio', il fiscal compact con il suo pareggio di bilancio la riduzione dell'esposizione ad un più tranquillo 60%, amplifica ancora di più i loro problemi. Se non fermano le loro stamperie è perchè al punto in cui sono non hanno più nessuna possibilità di uscirne. Ma nel frattempo non possono neanche illudersi di stampare all'infinito e così cercano di guadagnare tempo per rifilare la polpetta avvelenata al prossimo presidente. La situazione inglese non è migliore. Oltre ad avere una minore penetrazione globale degli USA, devono competere maggiormente con gli europei. Con un -7% di deficit/pil contro un +1,5 della Germania, regalano al loro concorrente ben 8% in un solo anno. Grandi geni della finanza!