BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

APPLE E FIAT/ L'Unione europea accusa: aiuti illegali da parte dell'Irlanda

Secondo quanto dice la Commissione europea, aziende come Apple, Fiat e Starbucks avrebbero ricevuto un aiuto di stato illegale da parte del governo irlandese in materia fiscale

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Scoppia il caso Apple: secondo quanto pubblicato in una lettera da parte della Commissione europea, ci sono forti sospetti che l'Irlanda abbia concessi aiuti illegali al colosso californiano che proprio in Irlanda ha da sempre la sua sede europea. Ma non solo Dublino: secondo l'Unione europea ci sono di mezzo anche Lussemburgo e Olanda. L'accusa è chiara: speciali favori nel pagamento del tasse. Accuse a cui Apple ha risposto dicendole inesistenti: il frutto del nostro successo dipende solo dal nostro duro lavoro di innovazione, senza nessun aiuto da parte del governo. Siamo soggetti allo stesso trattamento fiscale di qualunque altra azienda, dice ancora l'azienda di Cupertino. Ma non solo Apple, perché anche la Fiat sarebbe coinvolta nelle accuse così come anche Starbucks. Secondo la Commissione europea la Fiat, tramite una società sussidiaria, avrebbe ricevuto un trattamento fiscale di favore cioè un aiuto di stato. La stessa accusa che viene rivolta ad Apple che, nonostante il livello tassativo in Irlanda sia fissato al 12,5% avrebbe pagato in tutti questi anni solo il 2% tramite un sistema di società sussidiarie. In pratica, aiuti lesivi della concorrenza che avrebbe pagato molto di più.

© Riproduzione Riservata.