BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ Le mosse di Draghi che preparano la nuova bolla

L'effetto Draghi in Borsa è già svanito, complici anche le prese di beneficio dopo il rally di giovedì e i bassi volumi dell'ultimo giorno di contrattazioni della settimana. MAURO BOTTARELLI

InfophotoInfophoto

L'effetto Draghi in Borsa è già svanito, complici anche le prese di beneficio dopo il rally di giovedì e i bassi volumi dell'ultimo giorno di contrattazioni della settimana, in compenso cambio euro/dollaro e spread continuano a scendere, tanto che per Nomura il cross tra la valuta europea e il biglietto verde entro fine mese andrà sotto l'1,27.

Insomma, il drastico taglio dei tassi e l'annuncio di acquisto di ABS e covered bond da parte della Bce pare aver funzionato almeno a metà, pur restando queste due misure ancora abbastanza oscure visto che i dettagli verranno svelati solo al prossimo consiglio dell'Eurotower il 2 ottobre: siamo a una svolta? No. Al netto del fatto che quanto annunciato porterà un aumento del bilancio della Bce di circa 1 triliardo di euro, occorre davvero capire quanto ci sia di nuovo in questo stimolo: gran parte dell'ammontare, infatti, sarà attraverso prestiti a fronte di collaterale, una misura meno aggressiva del QE puro e una cifra tra gli 800 miliardi e il triliardo di euro era già stata annunciata in giugno, fatto che riduce e di parecchio l'ammontare delle operazioni annunciate giovedì.

“Il giorno è iniziato con un sobbalzo e si è chiuso con uno sbadiglio, per il semplice fatto che c'è poco di nuovo. E' lo stesso messaggio che viene ripetuto da giugno”, taglia corto Michael Alexandrovich di Jefferies, a detta del quale “Draghi ha detto chiaramente che acquisterà soltanto asset garantiti e di alta qualità ma se si mette a fare una cernita verso l'alto, questo non aiuterà di certo le banche a liberare capitale”. Oltretutto, per Nordea gli acquisti non solo si limiteranno a 100-200 miliardi nei prossimi dodici mesi ma non inizieranno prima dell'anno prossimo, visto che il mercato degli ABS non è pronto. C'è poi da valutare la ristrettezza del mercato ABS europeo, come mostra il grafico

ristrettezza del mercato ABS europeo