BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CONSIGLI A RENZI/ Ora scelga se tagliare i "suoi" sindaci o i precari

Pubblicazione:lunedì 8 settembre 2014

Il ministero dell'Istruzione (Infophoto) Il ministero dell'Istruzione (Infophoto)

Quindi, esiste la strumentazione per affrontare la riduzione della spesa distinguendo tra quella "socialmente produttiva" (nel lessico dell'economia del benessere) a quella "socialmente improduttiva", senza ricorrere a tagli e blocchi lineari, a red herring e a specchietti per le allodole come paiono essere i lineamenti per labuona scuola. 

Veniamo ai punti principali, riservandoci di esaminare gli altri man mano che il débat proseguirà.

a) Stabilizzazione dei precari. Le statistiche Ocse ed Unesco dimostrano che, in rapporto agli allievi, abbiamo il numero di insegnanti maggiore al mondo. Per arrivare alla media europea si potrebbe fare a meno di circa 50mila precari. Ciò che conta, soprattutto, è la qualità degli insegnanti. Occorre non ripetere l'errore del decreto Misasi del 1972 che stabilizzò ope legis tutti gli assistenti ed i docenti incaricati nelle università della Repubblica, dando un colpo mortale agli atenei pubblici italiani, quasi tutti al di fuori della statistiche sulle 150 migliori università mondiali, ed incoraggiando la nascita di quelle private. Quindi, per il bene dei nostri figli e nipoti occorre coniugare "stabilizzazione" con "selezione". Ciò comporta procedure (concorsi) e tempi lunghi. Ciò implica anche tenere adeguante conto dell'apporto che possono dare le scuole paritarie, ignorate o quasi nei lineamenti per la buona scuola.

b) Modernizzazione dei programmi. Non si può non essere d'accordo con la modernizzazione dei programmi per le scuole "generaliste" e con un sistema duale di alternanza con il lavoro per l'istruzione tecnica, commerciale, industriale, agraria, turistica e via discorrendo. Ciò comporta però, per ragioni d'efficienza e economicità, istituti scolastici di almeno 400 allievi od un sistema di rotazione dei docenti in varie scuole. Inoltre, sono essenziali aule specializzate ed un sistema (consueto in molti Paesi ma raro in Italia) in cui gli studenti si spostano da aula ad aula a seconda della materia, mettendo fine al nesso tra classe (gruppo di studenti) ed aula. A sua volta, ciò richiede presidi o direttori addestrati in questo campo. Ciò comporta forte spesa pubblica in edilizia scolastica e formazione. I lineamenti non ne fanno alcun cenno.

c) Rendimenti dei livelli e tipologia di istruzione. Sono anni che non vengono effettuati studi sui rendimenti dei vari livelli e delle varie tipologie d'istruzione (ne feci uno con George Pscharopoulos nel lontano 1984 ma ora non presenta più alcuna utilità). Sono necessari per orientare studenti a scegliere in funzione delle opportunità del mercato del lavoro. Ma in questa materia, i lineamenti sono muti e silenti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.