BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ La "profezia" del '66 sul nuovo ordine mondiale

InfophotoInfophoto

E chi era Carroll Quigley, scomparso nel 1977? È stato uno dei padri della globalizzazione, anzi forse il padre più nobile e lucido, definendosi esso stesso - in enorme anticipo sulla rivoluzione clintoniana - un "globalista". Ma soprattutto, il buon Quigley era un membro molto influente del Council on Foreign Relations, un'associazione privata statunitense e globale, apartitica, composta soprattutto da uomini d'affari e leader politici che studiano i problemi globali e giocano un ruolo chiave nella definizione della politica estera degli Usa e della geopolitica e geofinanza mondiale. 

Un'associazione quanto mai viva e attiva in questo periodo, con addentellati e propri "missionari" ovunque nel mondo, Italia compresa. Il progetto sta entrando nella sua fase finale di compimento, occorrerebbe il classico granello di sabbia di brechtiana memoria per evitare che il nuovo feudalismo finanziario prenda il sopravvento. 

Il 2015 ci porterà questa speranza? Speriamo, ma ci credo poco. Nel frattempo, buon anno a tutti voi. Toccherà restare vigili. E curiosi. 

 

(2- fine)

© Riproduzione Riservata.