BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Così l'Italia può usare il "bazooka" di Draghi

Infophoto Infophoto

Sembrano esservi le condizioni per una svolta decisa della congiuntura economica; per cogliere questa opportunità va però sempre ricordato che la liquidità (e dunque gli interventi della Bce) è condizione necessaria ma non sufficiente per la svolta; a ciò concorrono numerosi altri elementi e, fra questi, anche un consolidamento della struttura finanziaria da realizzare anche nel nostro Paese, come ha evidenziato la recente verifica condotta dalla Bce sulle banche principali. 

Il recente provvedimento della trasformazione in Spa delle principali banche popolari va certamente in questa direzione, poiché consentirà di superare più agevolmente gli ostacoli che sempre si frappongono quando si deve procedere a razionalizzazioni di strutture bancarie. Se c'è qualcosa che ci ha insegnato questa lunga crisi è che non è più il tempo di rincorrere malintesi localismi territoriali (più o meno reali) a scapito della sopravvivenza nel lungo periodo non solo della singola istituzione ma di interi distretti produttivi, spesso di eccellenza, in un mondo che cambia di continuo e così profondamente.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
23/01/2015 - Avremo prudenza e saggezza? (Luigi PATRINI)

Ma i nostri politici sapranno usare prudenza e saggezza nel gestire questi soldi? Credo che il dubbio sia legittimo visto che sia un esponente del PD (Gitti), sia uno del NCD (Lupi) manifestano dubbi sul modo (per via di Decreto Legge) e sul merito del provvedimento con cui il Governo ha deciso la trasformazione in SpA delle maggiori Banche Popolari. Gitti no, ma Lupi era al Consiglio dei Ministri: approvano in fretta e furia e il giorno dopo si pentono? E' un nuovo "legiferare creativo"? Certo Draghi ci ha dato un bel bazooka, ma sappiamo usarlo bene? La scelta di Draghi, attesa da tempo, può essere utile, se ben gestita; se torneremo ai vecchi metodi politici potrà portarci alla catastrofe definitiva, perché tanta liquidità darà alla testa a tanti, come una vera e propria droga. Speriamo che i nostri politici non si dimentichino di non ossequiare troppo quel "dio denaro" di cui qualche ora fa ci ha parlato ancora una volta con preoccupazione Papa Francesco.