BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ La Grande depressione 2.0 è alle porte

Pubblicazione:domenica 11 ottobre 2015

Infophoto Infophoto

Se poi pensiamo al fatto che l'azione del nostro governo ha prodotto gli 80 euro ed è strenuamente impegnato a realizzare le riforme e a toglierci la tassa sulla casa "però nei limiti del bilancio" (cioè alzando altre tasse o togliendoci altri servizi, o fornendo a pagamento servizi che fino a ieri erano gratuiti), direi che il quadro sta diventando chiaro. Avremo la nostra Grande Depressione, soprattutto perché dallo scoppio della crisi a oggi le istituzioni preposte (Bce in testa) non hanno fatto nulla. E pure i governi non stanno facendo nulla. 

Occorre pregare e prepararsi, come fecero pochissimi ("ora et labora") alla caduta dell'Impero romano, preparando la rinascita della civiltà.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
12/10/2015 - Cigno sporco di petrolio (Pittorru Michele)

Liquidità sparita dai mercati, chissà dove è andata, ma è evidente dal fatto che i large investor stanno abbandonando le piazze finanziarie, sembra lo stesso effetto che c'è prima dello Tsunami.... il mare si ritira e, poi arriva il disastro. Il petrolio non ha finito la sua discesa,molti non ancora realizzato bene cosa è successo, i commercial hanno venduto petrolio a man bassa nell'avvitarsi del ribasso improvviso nel 2 sem. 2014 per ricoprire le posizioni, mentre gli hedge fund hanno perso miliardi e miliardi di dollari nel crollo, intanto il mondo è in deflazione da indebitamento (vedi i vari QE) Il petrolio andrà a 12/18 dollari. I fondi hedge non si fidano più e non hanno abbastanza forza per esercitare pressioni rialziste. I fondi che avevano capitali investiti in leva hanno perso tutto, ma questo ancora non lo hanno detto. Arriveranno le notizie. Deutsche Bank e Credit Suisse hanno improvvisi buchi nel capitale, mah chissà cosa sarà, saranno forse i derivati collegati al crollo del petrolio che ha trascinato dietro le commodities, mah..a voi l'ardua sentenza! Il cigno nero che tanti cercano e già arrivato, sta per fare l'ultimo canto, ma non è un cigno nero per una mutazione genetica, è nero di petrolio, di una colata di petrolio che gli è crollato addosso. qualcuno dovrà pagare. by by €uro