BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BANCHE E POLITICA/ Azzi: no alla balcanizzazione delle Bcc

Pubblicazione:sabato 31 ottobre 2015

Alessandro Azzi (Infophoto) Alessandro Azzi (Infophoto)

“È indispensabile che il Credito Cooperativo riesca a trovare una soluzione di unitarietà. Per tante ragioni. In positivo perché chi vorrà dar vita alla capogruppo dovrà mettere in campo risorse di ogni aspetto, sotto ogni fronte, risorse così importanti che il Credito Cooperativo non può permettersi di frammentarle e disperderle. In negativo, la creazione di più gruppi rappresenterebbe la balcanizzazione del Credito Cooperativo”. 

Sono più di nove mesi che Alessandro Azzi, presidente di Federcasse, non rinuncia a battere ogni volta sul tasto dell’unitarietà: fin da quando, scongiurato il rischio di una riforma per decreto, le Bcc italiane si sono messe al lavoro sul loro progetto di autoriforma. Progetto completato nel corso dell’estate all’insegna della quasi unanimità ai vertici Federcasse: ma non ancora approdato al decreto del ministero dell’Economia anche perché una singola componente locale della cooperazione creditizia - quella trentina - frena ancora sulla creazione di una sola capogruppo. Lo stesso governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, intervenendo alla Giornata del risparmio, ha osservato che ”l’’ipotesi di un gruppo unico, se condivisa all’interno della categoria, presenta sicuramente aspetti positivi”. Ha però ancora sollecitato “consenso”, preoccupato che un possibile “arresto del percorso di riforma”. 

Anche Azzi - parlando in questi giorni come presidente della Bcc lombarde, durante il convegno annuale tenutasi all’Expo di Milano - ha ribadito ciascuno dei dieci punti alla base dell’autoriforma: la nuova declinazione della mutualità in chiave di meritevolezza e coesione all’interno di un gruppo paritario. ”Penso che non possiamo immaginare che quando ci sarà la riforma, cioè la capogruppo avremo risolto tutti i nostri problemi, ma certamente ci saremo dotati di strumenti adeguati per garantire dal nostro punto di vista nel nostro ruolo la sana e prudente gestione delle Bcc che è il primo problema, la patrimonializzazione, che è un problema subito a fianco”. 

La via del cambiamento è stata imboccata in modo consapevole dal Credito cooperativo. “Ci serve un quadro normativo - ha detto Azzi - che valorizzi i nostri connotati distintivi e che convinca a tenere ferme, con intelligenza, con responsabilità, le ragioni dell’unità. Distintività e coesione sono gli elementi essenziali per qualsiasi strategia di sviluppo imprenditoriale durevole, efficace, efficiente e nella stabilità nel medio, lungo e lunghissimo periodo”. Il periodo del “patto fra generazioni” che corrisponde alla dimensione storica e temporale della mutualità.

La riforma - ha ripetuto Azzi - non è figlia di una pressione episodica delle autorità monetarie italiane, ma delle molteplici spinte al cambiamento maturate nel difficile crogiolo della grande crisi finanziaria. “Da un lato - ha ricordato Azzi - a fine 2014 è entrato in vigore il nuovo meccanismo di vigilanza unico previsto dall’Unione bancaria, con il progressivo consolidarsi della stessa idea di unione delle normative collegate, alcune in procinto di diventare operative a breve, come le nuove regole per la prevenzione e risoluzione della crisi e il nuovo schema di protezione dei depositi”. 


  PAG. SUCC. >