BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a -3,53%. Dai consumatori esposto contro Bankitalia

Pubblicazione:venerdì 11 dicembre 2015 - Ultimo aggiornamento:venerdì 11 dicembre 2015, 17.39

Infophoto Infophoto

MPS NEWS (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude l'ultima seduta della settimana con un -1,84% e Mps scende del 3,53% sotto quota 1,21 euro ad azione. L'Unione nazionale dei consumatori ha intanto presentato un esposto alla Procura di Roma e Ancona contro la Banca d'Italia "per accertare eventuali profili penalmente rilevanti in relazione alla "mancata vigilanza e alla mancata comunicazione al mercato in merito ai rilievi fatti al management di Banca Marche". L'associazione, come spiegato dal coordinatore delle Marche, Corrado Canafoglia, lamenta in particolare il fatto che Bankitalia è intervenuta sulle banche fallite, ma senza comunicarlo al mercato. "Se lo avesse fatto, i risparmiatori non avrebbero certo acquistato le azioni e le obbligazioni secondarie e non avrebbero perso i loro soldi". MPS NEWS (aggiornamento delle ore 14:55) Resta in rosso il Ftse Mib e Mps scende del 2,2%, verso quota 1,22 euro ad azione. Di fronte alla situazione creatasi per il decreto salva-banche, Assopopolari ha diffuso un comunicato per spiegato che "il sistema bancario italiano è solido, singole responsabilità vanno perseguite, così come vanno smascherati commenti e attacchi strumentali a giochi di potere e/o finanziari. Ai consumatori diciamo di scegliere con attenzione le banche a cui rivolgersi. Le nostre associate hanno indici di patrimonializzazione che non temono confronti (anzi, che li ricercano). Il dato medio delle Banche Popolari Cooperative del Core Tier 1 ratio è pari al 15%, contro un dato richiesto dalla normativa prudenziale europea del 7%, mentre il total capital ratio è pari al 16% contro il corrispondente limite richiesto dalla normativa europea al 10.5%. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 9:20) Piazza Affari si muove in ribasso e Mps cede l’1,3%, sotto quota 1,24 euro ad azione. Per Milano Finanza, il Fondo interbancario di tutela dei depositi sarebbe pronto a un ricorso alla Corte di giustizia europea legato al fatto che le sue risorse, che provengono dalle banche, vengono considerate come se fossero aiuto di Stato nella risoluzione di eventuali crisi di istituto di credito.



© Riproduzione Riservata.