BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

PININFARINA VENDUTA A MAHINDRA/ Ora è ufficiale. Dagli indiani Opa per 1,1 euro ad azione

Pininfarina è sempre più vicina a Mahindra. Dopo mesi di trattative, oggi potrebbe essere annunciato il closing dell'operazione. Un altro marchio storico italiano se ne va

Sergio Pininfarina, scomparso nel 2012Sergio Pininfarina, scomparso nel 2012

Ora è ufficiale: una nota spiega che Pincar, socio di controllo di Pininfarina, ha firmato un accordo di investimento con le società indiane Mahindra & Mahindra e TechMahindra, d'accordo con le banche creditrici della storica carrozzeria italiana. L'intesa prevede che gli indiani investano 20 milioni di euro in un aumento di capitale di Pininfarina entro la fine del 2016. Inoltre acquisteranno tutte le azioni ordinarie Pininfarina detenute da Pincar (ora in pegno alle banche) al costo di 1,10 euro per azione. Poi partirà un'Offerta pubblica totalitaria sulle azioni quotate in Borsa allo stesso prezzo di compravendita delle azioni detenute da Pincar. Vedremo a breve la reazione dei mercati, dato che Borsa Italiana ha fatto sapere che il titolo resterà in pre-asta fino alle 16:30.  Sono giornate particolari per Pininfarina e oggi si è partiti con una nota di Borsa Italiana che informava della temporanea sospensione dalle negoziazioni delle azioni della celebre carrozzeria torinese, in attesa di un comunicato. Che ancora non è arrivato. In compenso Pininfarina ha convocato un incontro con la stampa, che ha sicuramente molto più valore e che per molti dovrebbe sancire la cessione dell’azienda all’indiana Mahindra & Mahindra. In effetti già nel fine settimana si erano diffusi rumors sul closing ormai imminente di una trattativa iniziata tempo fa. Ed è anche questo il motivo per cui Borsa Italiana è dovuta intervenire stamattina chiedendo chiarimenti.

Il fatto che questi non siano arrivati con una nota, ma che sia stata convocata la stampa, fa pensare che i rumors fossero più che fondati. Va detto che giovedì il titolo aveva vissuto una giornata pessima, con un tonfo del 9% a seguito dei timori circa la messa in liquidazione di Pincar, la holding che controlla Pininfarina. Venerdì le contrattazioni, in lieve ripresa, aveva portato il titolo a 4,2 euro.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
14/12/2015 - commento (francesco taddei)

pecunia non olet.