BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE DI STABILITÀ 2016/ Tra Tasi, Imu e bonus il "grande azzardo" della manovra

Pubblicazione:mercoledì 23 dicembre 2015

Pier Carlo Padoan (Infophoto) Pier Carlo Padoan (Infophoto)

La speranza è che vada finalmente in consumi. Ma anche se questa somma andasse a finire in risparmio non sarebbe il peggiore dei problemi. In realtà il crac delle banche ha creato una situazione di altissima tensione. Ci troviamo all’interno di una spirale deflazionistica in cui si investe poco, e quindi non credo che andrà a finire in investimenti. Speriamo di non doverci poi pentire sul fronte della bilancia commerciale.

 

Il piano di investimenti per il Sud è efficace?

Francamente non lo so. Abbiamo visto tante false partenze, ma speriamo che questa volta non sia così.

 

Il taglio dell’Ires è rimandato al 2017. Con quali conseguenze per le imprese?

Difficile dire che cosa succederà l’anno prossimo. Le previsioni sono molto positive, perché si pensa a un raddoppio del tasso di crescita nel 2016. In questo caso ben venga il salto di qualità anche l’anno prossimo. Non sono però convinto che avremo tutti questi margini nemmeno l’anno prossimo. Quest’anno abbiamo perso una grande occasione, quella cioè di spingere investimenti e occupazione. Si è voluta dare una spinta ai consumi, presumo per motivi puramente elettorali, il che avrà anche una sua ragion d’essere. Però rendiamoci conto che il carburante è quello che è, e forse un po’ di spinta selettiva in più si poteva dare.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.