BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ Il "grande equivoco" sui soldi in banca

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ovviamente non c’è modo di uscire dalla crisi economica con questo sistema demenziale. L’unico modo è tornare alla sovranità monetaria (ipoteticamente, non sarebbe necessario cancellare l’euro) e fare in modo che il denaro possa essere stampato da almeno una fonte che possa metterlo tra gli attivi. Per logica, questa fonte dovrebbe essere lo Stato. Oppure potrebbero esserlo anche le banche, monitorate costantemente dallo Stato (o da Banca d’Italia, con ispezioni che controllino veramente). Ma quello che è certo è che comunque occorre denaro creato dal nulla e posto tra gli attivi. Se questo non accadrà, vorrà dire che avrà vinto l’ideologia nichilista e avremo il disastro, sia morale che finanziario.

Anche l’evento del Natale ci ricorda che ogni avvenimento è un evento positivo, da cui (sempre con fatica, errori e sofferenze) può nascere una fecondità per il mondo. Come ci ha ricordato anche papa Benedetto, “lo sviluppo economico, sociale e politico ha bisogno, se vuole essere autenticamente umano, di fare spazio al principio di gratuità come espressione di fraternità” (Caritas in Veritate, n. 34).

La moneta creata dal nulla e posta tra gli attivi può essere un esempio di applicazione concreta del principio di gratuità.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.