BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Borsa Italiana/ Chiusura a -2,47%. Male Campari e Luxottica. Sale Snam

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Borsa MIlano (InfoPhoto)  Borsa MIlano (InfoPhoto)

BORSA ITALIANA (aggiornamento delle ore 17:35) La Borsa italiana chiude la seduta con un -2,47%. La giornata di contrattazioni è stata influenzata certamente dalle parole di Mario Draghi. A quanto pare i mercati si aspettavano qualche annuncio in più dalla Bce. In particolare, sembra che scontassero un ampliamento della liquidità immessa con gli acquisti del Quantitative easing, che è invece stato prorogato a marzo 2017, con la possibilità di comprendere titoli degli enti locali. Sul listino principale tanti segni meno, con ribassi accentuati per Campari (-4,99%), Luxottica (-4,26%) e Banco Popolare (-4,32%). Chiudono in rialzo solo Snam (+3,44%), Yoox Nap (+1,14%) e Terna (+0,64%). Intanto il cambio euro/dollaro ha superato quota 1,09. BORSA ITALIANA (aggiornamento delle ore 15:00) Le parole di Mario Draghi hanno portato in forte ribasso i mercati, nonostante il Presidente della Bce abbia fatto capire che la durata del Quantitative easing sarà prolungata e verranno acquistati anche titoli municipali e locali. La Borsa Italiana ha subito una discesa fino a circa l'1,5%, con alcuni titoli che sono passati al -3%, come Luxottica e Campari. Il cambio euro/dollaro ha subito un forte rimbalzo, salendo sopra gli 1,8, quasi sfiorando gli 1,9. 

BORSA ITALIANA (aggiornamento delle ore 13:00) Borse europee in rialzo, in attesa degli annunci della Bce, con aspettative concordanti di rafforzamento del Qe. Piazza Affari cresce 1,2%, la Borsa di Parigi guadagna l'1,1% e quella di Londra lo 0,34%. Meno decisa Francoforte, che sale solo dello 0,9%.

A Milano Terna segna +3,1% a fianco di Snam che guadagna un 4,6%. Le due società segnano i nuovi massimi storici in attesa delle nuove tariffe che scatteranno dal 2016 Il maggior rialzo del giorno va però a Ceramiche Ricchetti con +7,4%.

Il peggior ribasso all' immobiliare IGD, che perde il 5,9%.

Bene per le Poste Italiane - che saranno parte del FtseMib a partire dal 21 dicembre, al posto di Ansaldo Sts - che raggiungono un +0,5%.

Buona giornata per le banche. Mediobanca sale dell'1,2%, BancaPop.Milano avanza dello 0,7%, Ubi Banca dell' 1%. Intesa cresce di un +0,4%, Unicredit dell' 1,4% e MontePaschi dello 0,9%. Bene anche le assicurazioni: Generali segna +1,7%, UnipolSai +0,9%. Campari perde uno 0,9%.

Telecom Italia avanza di 1,4%.

Buon rialzo per Autogrill, che segna +2%, che ha appena firmato contratti con Nederlandse Spoorwegen (NS) per la gestione delle sue principali aree di servizio, dalle quali stima di ricavare 305 milioni in 10 anni.

Eni +0,5%, Tenaris +0,9%, Saipem -0,3%.

Enel prosegue dell'1,7%, FiatChrysler dell'1,3%. Finmeccanica guadagna un +2,1%, e StM un +0,2%.

Ancora bene per la moda, sale ancora Yoox ad un +2,1%.

Lo spread sale dello 0,91% e segna alle 13, 90.93

L'euro scende dello 0,43 e cambia con il dollaro a 1.055.

Il petrolio recupera su ieri del 2,19% e viene venduto a 43,42 euro al barile.

Cala ancora l'oro, che scende dello 0,27%.



© Riproduzione Riservata.