BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY BANCHE/ Se Renzi usa il fisco per salvare il cerchio magico e combattere Grillo

Pubblicazione:sabato 5 dicembre 2015 - Ultimo aggiornamento:sabato 5 dicembre 2015, 20.15

Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan (Infophoto) Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan (Infophoto)

Come accadde ai tempi di Cirio e Parmalat, l'Obbligazionista Ignoto potrebbe allora inondare i giornali di mail inferocite contro un governo e una banca centrale italiana che hanno approvato senza fiatare il nuovo "Meccanismo di Risoluzione" bancaria e soprattutto che hanno accettato di collaudarlo in corsa sulla carne viva di quattro banche italiane, per dare buon esempio in tutta l'eurozona. Probabile però che un giornalista onesto risponderebbe subito che quelle norme sono state pensate proprio per togliere dalle finanze pubbliche (cioè dalle tasche dei contribuenti) ogni nuovo rischio futuro di salvataggio bancario. E ciò anche in obbedienza definitiva alla logica del mercato: quella dei commentatori liberisti alla Zingales o alla Giavazzi, a ogni festa comandata sui grandi giornali da venticinque anni. Quelli che "guai se dopo il crack Lehman la politica ritorna in banca", anche se oggi sono ormai riallineati sul renzismo dominante.

In un clima di coscienze non pulitissime, il governo Renzi non mostra comunque alcun pudore politico e pescare nel fisco per tacitare i suoi bacini elettorali del Centro Italia: per evitare che vadano a ingrossare le fila del Movimento 5 Stelle. Nato - per chi lo avesse scordato - nelle adunate degli obbligazionisti Parmalat e attorno alle arringhe di Beppe Grillo in stile Gordon Gekko alle assemblea del Montepaschi. Già: abbiamo una banca. Una banca Pd, anzi Pci, in Toscana. Un'altra banca dissestata e tenuta in piedi con i Monti-bond. E chissà se il "lodo Pelillo" non è stato pensato anche per Siena, dietro l'angolo di Arezzo, a un tiro di schioppo da Firenze. Per UniCredit, invece, niente rete: il titolo sta cadendo a rotta di collo per il "caso Palenzona" (nato dal crack di una Bcc toscana), ma quegli azionisti non sono mica "classe svantaggiata" come gli obbligazionisti dell'Etruria massacrati dal "caso Boschi".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.