BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOTIZIE MPS / In Borsa chiude a -1,1%. Capitale banche aumentato del 40% dal 2008

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

Infophoto Infophoto

Piazza Affari riesce a recuperare, ma chiude la giornata in lieve calo (-0,17%). Mps, invece, termina in rosso dell'1,1%, sotto gli 1,26 euro ad azione. In audizione alla Camera, Carmelo Barbagallo, capo del Dipartimento vigilanza della Banca d'Italia, ha ricordato che dalla fine del 2008 il capitale di migliore qualità delle banche italiane è aumento del 40%, passando dal 7,1% al 12,3% delle attività ponderate per il rischio.  Piazza Affari viaggia in negativo e Mps, dopo essere passata persino in rialzo, perde ora lo 0,9%, sotto la soglia degli 1,26 euro ad azione. Corrado Sforza Fogliani, Presidente di Assopopolari, ha ricordato che le banche italiane erano pronte a mettere in sicurezza gli istituti di credito poi salvati dal Governo, senza che vi fossero danni per i detentori delle obbligazioni subordinate, ma non gli è stato permesso di farlo. Salvo poi chiamarle a farsi carico della soluzione trovata ora da altri. "La via di gravare sempre più, con nuovi oneri, sulle banche che non hanno problemi, non è una via né corretta, né giusta: è una via che può solo creare altri problemi. E chi ha la vista lunga, non può pretenderlo", ha aggiunto.  Dopo una sospensione per eccesso di ribasso, con un -4,7%, Mps è tornata agli scambi e cede il 2,3% mentre il Ftse Mib si trova a -0,2%. Tra le possibili spiegazioni dei cali di questi giorni del titolo di Montepaschi c'è quello di un'incertezza sulla gestione delle sofferenze bancarie in Italia, dato che la tanto annunciata bad bank ancora non si vede. Intesa Sanpaolo, nel frattempo, ha avviato l'emissione di un covered bond decennale.  Giornata difficile per le azioni di Mps in Borsa. Dopo un avvio in rialzo, infatti, le quotazioni sono virate in rosso scendendo fino al -4,2%, nonostante il Ftse Mib si muova intorno alla parità e gli altri titoli bancari seguano tutt'altro andamento. In questa prima ora abbondante di contrattazioni è stato toccato il minimo di 1,212 euro e quel che stupisce è che meno di una settimana fa il titolo viaggiava intorno agli 1,45 euro.  Piazza Affari prova il rimbalzo, con Mps che sale dello 0,9%, sopra gli 1,28 euro ad azione. Il Messaggero scrive che la bozza di statuto della Banca Popolare di Vicenza prevede che con la quotazione in Borsa vi siano le dimissioni del consiglio di amministrazione per fare spazio a un nuovo board scelto dai soci.

© Riproduzione Riservata.