BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a +1,81%. Martedì il dl popolari inizia iter alla Camera

Vediamo le notizie del giorno riguardanti Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati da agenzie e quotidiani su Montepaschi e le altre banche italiane

Infophoto Infophoto

Piazza Affari archivia una seduta in rosso dello 0,33%, mentre Mps chiude con un +1,81%. Intanto martedì prossimo comincierà alla Camera l'esame del decreto legge sulla riforma delle banche popolari. A quanto si apprende, l'intenzione sarebbe di licenziare il testo a Montecitorio entro la prima settimana di marzo.

Mentre Piazza Affari si muove ancora in negativo, Mps, come tutto il comparto bancario, viaggia su ampi rialzi, guadagnando il 3,4% e tornando sopra i 43 centesimi ad azione. Merito anche delle dichiarazioni del Premier Renzi, pronto a porre la fiducia sul decreto legge che impone a 10 banche popolare di trasformarsi in Spa. Intanto dalla comunicazioni della Consob emerge che Ubs detiene il 2,164% del capitale di Montepaschi.

Piazza Affari si muove in negativo e Mps la segue con un -0,45%, che porta il titolo sotto i 42 centesimi. Intanto Il Messaggero in edicola oggi parla di un progetto di bad bank già sul tavolo di Bankitalia e Governo, con il nome di “nuovo credito per la crescita”. Il piano dovrebbe consistere in una cessione di parte delle sofferenze nei confronti delle imprese per liberare risorse da utilizzare per il credito. Si dovrebbe utilizzare la Società di gestione dell’attivo (Sga) nata in occasione del salvataggio del Banco di Napoli del 1997. Il capitale necessario verrebbe stanziato da Stato, Cassa depositi e prestiti, Banca d’Italia, banche cedenti i crediti ed eventuali investitori privati. Ovviamente la Bce sarebbe al corrente del programma.

© Riproduzione Riservata.