BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ L'inganno dell'euro "smascherato" da Draghi

Infophoto Infophoto

Ma non tutto il male viene per nuocere. La posizione della Bce apparirà nel tempo sempre meno sostenibile. Con i bilanci degli stati in continuo peggioramento, la Bce fallirà completamente l’obiettivo di far crescere l’inflazione. Infatti, con questa enorme liquidità in mano alle banche, esse la sposteranno laddove rende di più (cioè nei mercati finanziari), come hanno fatto fin dalla nascita dell’euro. L’unica differenza era che fino allo scoppio della crisi il disastro era mascherato dal fatto che un minimo della liquidità in eccesso finiva comunque nell’economia reale. Ora è calata la maschera, nessuno presta più all’economia reale perché questa non rende più. Quindi la nuova ondata di denaro finirà nei mercati finanziari (che infatti hanno immediatamente festeggiato l’annuncio di Draghi) e provocherà un accentuarsi della deflazione. Altro che inflazione!

Finalmente i vari ministri (a cominciare da Padoan, che continua a dire che ormai stiamo uscendo dalla crisi) la smetteranno di dire che tra sei mesi ci sarà la ripresa (a meno di scatenare l’ira popolare). Quello inizierà a essere il momento buono per uscire dall’euro.

 

P.S.: L’annuncio di Draghi ha provocato anche l’immediata discesa del cambio euro/dollaro, arrivato alla soglia di 1,12. Giusto un anno fa, il cambio era intorno a 1,38; cioè l’euro si è svalutato di circa il 19% in un anno. Qualcuno di voi ha visto l’inflazione? E ora, dove andranno a nascondersi tutti quei titolati economisti o politici che, commentando l’ipotesi di un ritorno alla moneta nazionale, affermavano che sarebbe successo il disastro dovuto alla svalutazione della moneta e alla conseguente inflazione? A questi livelli di cambio, una uscita dall’euro sarebbe anche l’occasione per farlo a un cambio estremamente favorevole, poiché potrebbe succedere che la nuova moneta nazionale si svaluti di poco niente rispetto ad altre monete, mentre il nuovo euro si rivaluterà di molto, rendendo sempre più difficile l’esportazione per quelli che manterranno l’euro. Per questo è doveroso essere ottimisti. Il tempo lavora a nostro favore.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/02/2015 - ultras! (Santino Camonita)

Non capisco questo tifo affinché crolli tutto! Speriamo e preghiamo, per il bene di tutti,che ciò non avvenga , cosicché molti commentatori ed illustrissimi professoroni di economia, anche di questo quotidiano on line,per serietà, saranno costretti a cambiare mestiere.

 
08/02/2015 - Implosione (Renato Mazzieri)

Ineccepibile. Sarà un'implosione che coinvolgerà tutti, prima i più deboli, poi anche i più forti. E non solo nell'area Euro. È tutto il sistema che implode.