BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IDEE/ La "lista" che fa risparmiare sulla spesa

Infophoto Infophoto

Ikea Quella multinazionale svedese che commercia mobili con una filosofia d'impresa fatta apposta per rifocillare il potere d'acquisto: rinuncia a porzioni di profitto ottenendo un impareggiabile vantaggio competitivo e utili. Vende mobili da ultimare, chi li acquista impiega tempo per il montaggio, ne ricava il prezzo più basso per quel prodotto.

Televisioni commerciali e free press Il loro "core business", per fare utili, sta nell'impiegare i palinsesti per conquistare prima e vendere poi l'attenzione ai pubblicitari, che la rivendono agli inserzionisti. Con quelli della televisione si ricava informazione e intrattenimento, h 24, senza spendere il becco d'un quattrino. Con quelli dei giornali, notizie a costo zero. Un bel risparmio per il potere d'acquisto: 1 €x 365= 365€ l'anno.

Groupon, Groupalia, Let's bonus, ecc. Social shopping, aziende che fanno lauti guadagni intermediando tra un'offerta in eccesso e la domanda in difetto. Le imprese ottengono di poter ridurre i costi della sovraccapacità; i consumatori, coupon d'acquisto per merci e servizi scontati fino all'80%. Il potere d'acquisto, si gonfia, l'ottimismo trasale!

Outlet Si fanno affari nella città dei saldi, dove l'industria sovraccapace smercia l'invenduto per recuperare margini di guadagno. Con gli sconti, viene saldato il conto con l'ottimismo.

BlaBlaCar Organizza il viaggiare condiviso, ci guadagna. Ci guadagnano pure i viaggiatori.

Information Technology Settore industriale, tutto o quasi in deflazione tecnica. L'innovazione fa tutt'uno con la produzione, riduce costi e prezzi, rifocilla il potere d'acquisto di quelli che comunicano.

© Riproduzione Riservata.