BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPILLO/ La bad bank resta un rebus, ma spunta il mercato delle quote Bankitalia

InfophotoInfophoto

Se tuttavia Giulio Tremonti, da ministro dell’Economia, si era detto pronto a pubblicizzare la banca centrale, le Fondazioni bancarie erano state indicate come candidate naturali all’acquisto di partecipazioni che - come la Cassa depositi e prestiti - presentavano profili di tendenziale stabilità patrimoniale e di sostenibilità reddituale. Punti di vista più libero-mercatisti hanno tuttavia continuato a guardare alla possibile quotazione in Borsa della Banca d’Italia e all’intervento di investitori esteri.

Ragionamenti che evidentemente non sono stati accantonati del tutto se - come rilanciano fonti finanziarie in questo scorcio del 2015 - Tesoro e Bankitalia avrebbero individuato in una piattaforma di mercato il veicolo di mobilizzazione regolata delle quote Bankitalia: si tratterebbe di e-Mid, il mercato interbancario dei depositi. L’ipotesi sarebbe ancora molto preliminare: si vedrà se il 31 maggio Ignazio Visco ne farà o meno cenno all’assemblea annuale di via Nazionale.

© Riproduzione Riservata.