BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ La "macchina delle bolle" che piace ai mercati

Pubblicazione:mercoledì 1 aprile 2015

Infophoto Infophoto

Già, perché lo schianto al ribasso del prezzo del petrolio ha tramutato quel boom in un bust, con il tasso di senza lavoro nel comparto energia in continua crescita (salvo le dimenticanze del Bureau of Labor Statistics nel computo totale di cui abbiamo più volte parlato) e la realtà Usa che ci mostra un settore manifatturiero, quello che ha fatto grande gli Usa dagli anni Cinquanta con il mito della fabbrica, a picco, mentre il grosso della nuova occupazione dell'era Obama è garantito da ciò che ci mostra il grafico a fondo pagina, ovvero il fatto che nello scorso mese di febbraio l'America ha vissuto il periodo di maggiore assunzione di camerieri e baristi dall'agosto 2013, esattamente 58.700 nuovi assunti in una delle categorie a più basso salario, il massimo da diciotto mesi, quando si registrarono addirittura +72mila unità. Ora, nulla da dire contro queste due degnissime e necessarie categorie di lavoratori, ma basare i presupposti di una solida ripresa sul boom di una professione a basso reddito, bassa tutela e grande flessibilità in uscita non pare un qualcosa da festeggiare con tappi di champagne che partono come la notte di Capodanno, visto che un tempo si assumevano a tempo determinato lavoratori nelle acciaierie della Pennsylvania e nella fabbrica di automobili del Mid-West. Ma tant'è, a Rampini e a Repubblica questa America piace, piace tantissimo: la cosa, non so perché, non mi stupisce più di tanto, anche soltanto pensando a chi è l'editore di quel giornale. 

Ma come funziona questa America finanziarizzata e guidata dalla politica della sua Banca centrale? Di più, come funziona di fatto il mondo equities e obbligazionario in questo contesto distorsivo che consente di spacciare bugie a piene mani sul reale stato di salute dell'economia? In parte ve l'ho già spiegato con il circolo vizioso dei buybacks, ma non basta, perché l'intero sistema finanziario si basa di fatto su una dinamica circolare che spinge le bolle già formate sul mercato in modalità ipercinetica, visto che l'aumento continuo dei prezzi azionari ha l'effetto di alterare l'allocazione di assets degli investitori, sconnettendo le dinamiche tra equities e flusso di denaro che affluisce nei fondi obbligazionari. Se infatti la clientela retail rimane un grande acquirente dei bond funs rispetto agli equity funds, con un afflusso di denaro di 73 miliardi di dollari contro 47 miliardi, questo pattern si è registrato senza soste dal 2009 a oggi, fatta salva la "grande rotazione" del 2013. 

Questa logica è meramente speculativa, visto che il calo dei rendimenti obbligazionari (e quindi l'aumento del loro prezzo) ha garantito forti capital gains negli ultimi sette anni, ma c'è un'altra ragione che ha portato gli investitori a comprare bond funds, ovvero proprio il forte apprezzamento delle equities negli anni recenti. Il prezzo dei titoli negli Usa negli ultimi tre anni è salito del 50%, contro il 30% a livello globale e questo ha di fatto tramutato gli investitori in soggetti overweight sulle equities rispetto a bonds, questo anche se nel suddetto periodo di tempo hanno comprato più bond funds che equities funds. Basti vedere il dato dello US Flow of Funds relativo al quarto trimestre del 2014 reso noto la scorsa settimana: la detenzioni di equities per il cittadino Usa medio era al 35% a fine anno, sei punti percentuali sopra il livello di tre anni fa e sopra il picco precedente del 2007. In parole povere, il cittadino statunitense è palesemente overweight nella sua esposizione ai titoli azionari in continuo apprezzamento, quindi compra in continuazione bond per evitare che quella esposizione diventi ancora più estrema. Allo stesso modo, i fondi pensione e le assicurazioni Usa sono overweight su titoli e underweight su bonds e questo non fa altro che incentivare ancora di più i loro acquisti obbligazionari al fine di evitare che il bilanciamento del reddito fisso del loro investimenti cali troppo in virtù del continuo aumento del valore delle equities. 

 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >