BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPENDING REVIEW/ I consigli a Gutgeld per non "fallire" come Cottarelli

Yoram Gutgeld si appresta a continuare il lavoro di spending review iniziato da Carlo Cottarelli. GIUSEPPE PENNISI ci spiega come potrebbe muoversi al meglio

InfophotoInfophoto

Dopo avere letto le 72 pagine di Executive Summary stilate da Carlo Cottarelli in persona e le 721 dei rapporti dei gruppi di lavoro all’uopo istituiti, non mi sorprende che la spending review abbia fatto cilecca. C’è stato senza dubbio un clash culturale tra chi comunica per hasthag e tweet e chi è uso a presentare analisi dettagliate. Come hanno rilevato altri (tra cui economisti vicini al Governo), c’è una notevole disomogeneità tra i rapporti, che coprono investimenti pubblici, organizzazione della Pubblica amministrazione, costi della politica, acquisti di beni e servizi, immobili pubblici, pubblico impiego, partecipate locali, fabbisogni e costi standard, province, comuni, regioni più nove ministeri (sviluppo economico, infrastrutture, economia, difesa, sanità, giustizia, lavoro, esteri, interno).

La differenza di stile tra la relazione riassuntiva e il resto della documentazione rende difficile seguire il ragionamento e individuare le priorità. Ciò ha fatto sì che i lavori siano stati se non “secretati” almeno chiusi a quattro mandate nel cassetto, perché poco se ne comprendeva l’utilità. Se io avessi fatto parte dell’organo politico a cui le circa 800 pagine erano dirette, non avrei saputo cosa fare e cosa scegliere.

Il nodo di fondo, però, è che si avverte una mancanza di metodo. Carlo Cottarelli è un ottimo economista e uno specialista di alto livello di Scienza delle finanze, ma non credo abbia mai avuto esperienza di selezionare spese tra essenziali, utili, meno utili e dannose. È un lavoro che non richiede un vasto numero di team settoriali, almeno nella prima fase, ma un metodo al tempo stesso forte e generalmente accettato. Cottarelli vive negli Stati Uniti; quindi, è certamente consapevole che dall’inizio degli anni Ottanta una sola delle norme introdotte dall’Amministrazione Reagan non è stata mai mutata o ritoccata: quella (insistentemente voluta dall’allora ministro del Bilancio David Stockman), secondo cui, da un lato, tutte le leggi di spesa sono a termine (e devono essere,se del caso, aggiornate ove riproposte alla scadenza) e tutte le norme e operazioni di spesa devono essere corredate da analisi dei costi e dei benefici finanziari (ai singoli) ed economici (alla collettività).

In Italia tale metodo è stato introdotto nel 1982 in via sperimentale per una piccola parte dell’investimento pubblico. Nel 1985 e nel 1991 l’allora ministero del Bilancio ha pubblicato, con il Poligrafico dello Stato, manuali, successivamente aggiornati dall’Uval (l’unità di valutazione che ha avuto differenti collocazioni istituzionali). Nel 2006, la Scuola Superiore della Pubblica amministrazione ha pubblicato un’aggiornata guida operativa, Nel 2012, il Cnel ha approvato un documento di osservazioni e proposte per aggiornare i parametri di valutazione a una fase di crescita lenta ove non di stagnazione. In parallelo con questa letteratura “ufficiale” c’è stato un rigoglio di testi privati anche a ragione delle attività dell’Associazione italiana di valutazione e della rivista e collana di libri pubblicati dal sodalizio. Dal 1999 una legge ricalca la normativa americana.