BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DALLA GRECIA/ Il "piano P" nelle mani di Tsipras

Infophoto Infophoto

Tsipras nel suo intervento ha, come di consueto, recitato il suo canovaccio imbastito di orgoglio e pregiudizio. "La Grecia - rivolgendosi a Samaras - non è uno Stato vassallo. Presto capirete anche voi che la Grecia è uno stato sovrano, nonostante le difficoltà che ha passato negli ultimi cinque anni. La Grecia ha una importanza geopolitica. È un Paese con cui i partner e i creditori non possono giocare. E ve ne accorgerete presto". Bruxelles è avvertita: non un passo indietro.

Presto, quando? Si è chiesto un fine commentatore. Anche in questa settimana santa (gli ortodossi festeggiano la Pasqua domenica 12 aprile) lo sguardo è rivolto a Bruxelles più che a Gerusalemme da dove, venerdì sera, arriverà la fiamma sacra accesa nella Basilica del Santo Sepolcro, e trasferita ad Atene su un volo aereo speciale. Domenica prossima il tavolo pasquale sarà più caro del 5,3% (stando alle analisi della Confederazione del Commercio). Un adagio ellenico dice: "Kathe persi ke kalitera" (traduzione letterale: "Ogni anno passato è migliore"), che dovrebbe corrispondere al nostro  "Si va di male in peggio".

© Riproduzione Riservata.