BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DALLA GRECIA/ Così Atene prepara il suo "ricatto"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ma a breve ci sarà la resa dei conti. Tra Tsipras e alcuni suoi ministri, tra Atene e Bruxelles. Il "gioco" a rimpiattino sta per finire. Poi arriverà la catarsi: o con un default o con le riforme o con quanto può produrre la "creatività" del radicalismo. Fin dove si spingerà il governo? Il suo obiettivo è arrivare a giugno, quando, secondo le aspettative di Atene, si dovrà discutere della ristrutturazione del debito. Lo ha fatto capire il ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, quando l'altro giorno in Parlamento ha sostenuto che dopo giugno ci sarà la ripresa economica.

Sul funzionamento del Parlamento, quasi fosse un ridotto espugnato dalla sinistra,  è simpatico raccontare queste breve notizia. Durante la riunione della commissione Istituzioni e Trasparenza, un membro dell'opposizione ha chiesto, mentre parlava, una bottiglietta d'acqua perché aveva la gola secca. Il Presidente, che poi è anche il Presidente del Parlamento, Zoi Konstantopoulou, è intervenuta dicendo: "In questo periodo il Parlamento non pubblicizzerà le etichette dell'acqua in bottiglia. Tutti quanti berremo acqua del rubinetto". Siamo in austerità, dunque anche i deputati devono risparmiare. I deputati, non il Presidente, la quale per il suo viaggio istituzionale a Roma è stata accompagnata da una delegazione di una decina di persone: costo della missione 10 mila euro.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.