BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ I conti che rinviano la (vera) ripresa

Pubblicazione:domenica 3 maggio 2015

Infophoto Infophoto

Il potere d'acquisto mostra inesorabilmente lo stato dell'equilibrio tra i redditi e la produzione. Lo sanno alla Corte dei Conti. Fanno i conti poi presentano il conto con un documento depositato al Senato, in occasione delle audizioni sul Documento di economia e finanza.

I consumi delle famiglie, a causa della crisi, sono tornati ai livelli del secolo scorso. Nel 2014 risultano inferiori del 7,7% rispetto al 2007. Le esportazioni non sono così distanti dai livelli pre-crisi (-1,4%). Il Pil era alla fine del 2014 dell'8,9% inferiore al livello del 2007. Gli investimenti hanno perso un terzo del loro valore rispetto al 2007 (proprio come la produzione industriale). Le unità di lavoro sono cadute di 800 mila unità, il tasso di disoccupazione è cresciuto di 6,6 punti percentuali, il 13% alla fine del 2014.

Durante i sette anni di crisi le retribuzioni lorde pro-capite sono cresciute dell'11%. I prezzi sono cresciuti nello stesso periodo del 12,3%. La produttività è diminuita del 2,1%, alzando il costo unitario del lavoro del 12%. Tutto ciò, secondo la magistratura contabile, ''ha ulteriormente peggiorato la competitività di prezzo dell'Italia rispetto agli altri partner dell'area euro e della Germania in particolare”. 

Già, con i conti di questi contabili a conti fatti è un bel casino: prima della crisi il potere d'acquisto, fatto di redditi insufficienti, non faceva smaltire quanto prodotto. Con questi squilibri si è entrati nella crisi dove quella sovraccapacità brucia ricchezza potenziale. Oggi, in mezzo alla crisi, quella sovraccapacità si riduce drasticamente: ci sono così meno merci da acquistare rifocillando, per via traversa, un potere d'acquisto. Già, pure però meno agio a disposizione da distribuire. 

Sì, insomma, sembrano alternarsi le cause, gli effetti invece sempre gli stessi. Pur cambiando l'ordine dei fattori, in definitiva, il risultato non cambia: ancora crisi.

Così se i nostri, dopo aver fatto i conti, con una chiosa certificano: "La ripresa che si prospetta conserva un'intensità del tutto insufficiente a recuperare le ampie perdite di reddito e di prodotto subite nel corso della recessione''. Chi potrà dar loro torto?



© Riproduzione Riservata.