BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ I "piani" per il Renzi-2 dopo le elezioni regionali

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Diciamolo chiaramente, viviamo in una bolla. Non è una bolla speculativa come molti temono (non ancora), ma è in ogni caso una situazione sospesa. La mongolfiera viene tenuta in alto dalla Bce grazie al Qe. Il programma funziona, e anche i segnali che vengono dai prezzi al consumo lo dimostrano: in Italia +0,2% a maggio; vedremo nei prossimi mesi se la deflazione è davvero scongiurata dopo un quadrimestre in continua discesa. Molto ha influito il calo dei prezzi energetici, ma sono in risalita anche i prezzi dei servizi, segno che si sta manifestando quella cauta ripresa della domanda della quale parla anche la Banca d'Italia. L'Istat conferma che il prodotto lordo è in risalita: +0,3% nel primo trimestre, +0,1% su base annua. 

L'effetto positivo della politica monetaria espansiva, secondo Bankitalia, è abbastanza netto: aggiunge al prodotto lordo italiano 1,4 punti in due anni, circa 20 miliardi di euro; ciò vuol dire che nel 2015 quasi tutta la crescita è dovuta alla spinta esterna. Il 2016 sconterà un effetto trascinamento, sperando che nel frattempo la tragicommedia greca non provochi un brusco arresto. Ma la politica monetaria ha spesso effetti paradossali: se si raggiunge un accordo con Atene rinviando di nuovo la resa dei conti, la tempesta s'allontana; in tal caso l'anno prossimo l'impulso della Bce si ridurrà e la mongolfiera comincerà a scendere. I banchieri centrali stanno manovrando perché ciò avvenga in modo soft e incrociano le dita. 

L'Italia dunque deve preparasi. Finora la politica economica è stata al traino della Bce. Adesso bisogna prendere l'iniziativa. I segnali dei quali parlano la Banca d'Italia e la Confindustria non sono sufficienti a garantire una tasso di crescita capace di recuperare i nove punti perduti e nemmeno a riportare la disoccupazione sotto la soglia del 10%. Sono considerazioni ovvie, sulle quali tutti si dicono d'accordo. Ma che fare? Dopo le elezioni regionali Renzi dovrà mettere in cantiere una fase due, una ripartenza. Come?

Nel documento inviato all'Ue e anticipato dal Foglio, il governo mette insieme una serie di buoni propositi, tutti all'insegna della politica dell'offerta: riforme, riforme e ancora riforme. Con l'obiettivo di ottenere se non il plauso almeno un occhio di riguardo da Bruxelles. Le riforme sono una condizione necessaria per una ripresa stabile (anche questo è un mantra recitato mille volte), ma non sono sufficienti. Lo dicono le agenzie di rating le quali, pur apprezzando le mosse renziane, non migliorano la valutazione sull'Italia, perché la scarsa crescita getta un'ombra lunga sulla capacità di far fronte ai propri impegni. E lo dice il Fmi che ieri è tornato a criticare i parametri di Maastricht, troppo rigidi e inattuali: il 3% di deficit e il 60% di debito rispetto al Pil sono stati concepiti per una crescita reale di tre punti e un'inflazione al 2% (l'obiettivo della Bce), ed è davvero difficile che condizioni del genere si realizzino nel prossimo futuro. 


  PAG. SUCC. >