BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

RIPRESA E JOBS ACT/ I 50 spread che pesano su Renzi

InfophotoInfophoto

Quelli delle persone in cerca di lavoro sono movimenti importanti. È difficile però interpretare tutti questi dati, perché sono in parte determinati da fattori demografici, in parte da scelte volontarie e in parte dal fatto che ci sono disoccupati scoraggiati che non cercano più lavoro.

 

Nel primo trimestre il Pil Usa è cresciuto solo dello 0,2%. Che cosa potrebbe accadere se gli Stati Uniti frenassero?

La speranza è che questo non succeda, uno dei problemi americani è quello però della distribuzione del reddito. I disordini di Baltimora non sono infatti solo una storia di criminalità. Come ci ha spiegato l’economista Joseph Stiglitz, negli ultimi 15 anni il reddito mediano negli Usa si è ridotto (a differenza della media, la mediana non calcola i redditi complessivi in un Paese ma i redditi della classe media, ndr). Quando la crescita economica si concentra solo sulla parte più ricca della popolazione, ciò produce degli effetti negativi anche sull’economia.

 

Il Pil spagnolo è cresciuto dello 0,9%, sopra le previsioni dello 0,7%. Renzi dovrebbe prendere esempio da Rajoy?

Sicuramente Madrid sta registrando una crescita economica migliore della nostra. Non dimentichiamo però che la Spagna non ha il problema della criminalità organizzata che vive l’Italia, e che rende molto difficile la crescita economica soprattutto nel Sud del Paese. Non è un caso che la Whirlpool abbia deciso di chiudere gli impianti di Caserta, ma continui a puntare su quelli di Varese.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.