BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a +2,66%. Per Assopopolari crescono le adesioni di banche straniere

Pubblicazione:giovedì 11 giugno 2015 - Ultimo aggiornamento:giovedì 11 giugno 2015, 17.34

Infophoto Infophoto

MPS NEWS Piazza Affari riduce i guadagni chiudendo a +0,35% e anche Mps riduce il rialzo, terminando la giornata con un +2,66%, che porta il titolo a 1,855 euro. Assopopolari, l'Associazione fra le Banche Popolari, ha registrato negli ultimi mesi un significativo aumento del numero delle banche associate provenienti da importanti Paesi europei che operano da anni sul mercato creditizio e finanziario italiano. Rilevante è anche la crescita delle adesioni di numerose banche corrispondenti provenienti da Giappone, Brasile, Thailandia e da diversi Paesi dell’Africa. “Il dinamismo e la vitalità che dimostra il movimento internazionale della cooperazione bancaria - ha dichiarato il Segretario Generale di Assopopolari De Lucia Lumeno - continua a sorprendere chi conosce solo superficialmente questa realtà generativa di prossimità, solidarietà e spirito mutualistico che sono da sempre parte integrante dell’identità di un modo diverso di fare banca e impresa”.       

MPS NEWS A Piazza Affari, che si muove in rialzo, vola Mps, che fa segnare un +6,1%, salendo sopra quota 1,91 euro ad azione, dopo essere stata sospesa per eccesso di rialzo. Tutto merito di un rumor riportato da Mf-Dow Jones, secondo cui alcuni fondi Usa stanno partecipando all'aumento di capitale di Montepaschi con l'obiettivo di costituire un nuovo patto di sindacato. I pattisti sarebbero anche pronti a chiedere ad Alessandro Profumo di restare alla guida della banca.

MPS NEWS Piazza Affari si muove in rialzo, ma Mps cede l’1,2%, a quota 1,786 euro ad azione. Attraverso le banche italiane, scrive Milano Finanza, sono in arrivo 1,3 miliardi per start-up, Pmi e società di media capitalizzazione: fondi che non solo arrivano dalla Banca europea per gli investimenti (1 miliardi), ma anche da alcune linee degli stessi istituti di credito.



© Riproduzione Riservata.