BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DALLA GRECIA/ La "sindrome da accordo" avvicina il fallimento

Pubblicazione:

Alexis Tsipras e Angela Merkel (Infophoto)  Alexis Tsipras e Angela Merkel (Infophoto)

Alle pressioni di Bruxelles Atene risponde con un "non paper", redatto ieri alla fine di una riunione d'urgenza tra il primo ministro e i responsabili della politica economica. Il contesto è sempre lo stesso: il governo, al di là delle trattative a livello di tecnocrati, insiste per la "trattativa politica".  Il titolo è: "Firmeremo un unico accordo". Svolgimento: Atene ribadisce le sue posizioni. E cioè: un modesto avanzo primario per il 2015 e il 2016 in grado di spezzare il circolo vizioso dell'austerità; nessun taglio a stipendi e pensioni; ristrutturazione del debito pubblico; programma di investimenti.

Su un punto Atene ha ragione: quando chiede che il circolo vizioso dell'austerità venga spezzato. Con Tsipras è d'accordo anche il "The New York Times", il quale scrive che i responsabili dell'attuale disastro - "La Grecia, uno zombie economico", è il titolo dell'articolo - sono gli europei che hanno imposto degli accordi alla Grecia, ma di fatto hanno soltanto rimandato il giorno della crisi finale perché non hanno affrontato i problemi strutturali dell'economia ellenica.

Sempre nel "non paper", il governo si toglie alcuni sassolini: "In Grecia per coprire il deficit delle pensioni lo stato eroga il 9% del Pil, mentre il Germania il 3%. L'età media per la pensione è di 63 anni per gli uomini e 59 per le donne. In Germania è lo stesso per gli uomini, mentre per le donne è 62 anni".  Precisazioni che vanno a correggere le dichiarazioni del portavoce del Fmi, Gerry Rice, il quale, commentando la decisione del Fondo di allontanarsi dal tavolo delle trattative con la Grecia, ne ha spiegato una delle ragioni: "La spesa per pensioni e stipendi equivale all'80% delle entrate del Paese, e questa situazione non può continuare. Il sistema pensionistico ellenico non è sostenibile. I fondi pensioni ricevono finanziamenti per un valore del 10% del Pil (la media europea è del 2,2%). La pensione base in Grecia è uguale a quella tedesca, ma in Grecia i lavoratori vanno in pensione sei anni prima di quelli tedeschi".  

Il "perché" di questa scelta da parte del Fmi non è ancora chiaro: o si vuole sfilare dal programma di sostegno alla Grecia oppure ha deciso di recitare la parte del "cattivo" per indurre Atene a più miti consigli. Con i tecnocrati del Fmi sono partiti anche i colleghi della Bce. Inutile restare, in quanto i colloqui, nell'ambito del Brussels Group, sono bloccati da due settimane. Uno dei motivi per cui si sono bloccati è la decisione di Atene di spostare le trattative a livello politico. Tutto verrà deciso il 18 giugno, durante la riunione dell'Eurogruppo.

Indubbiamente i vertici di Fmi e Bce hanno espresso la loro contrarietà verso il governo ellenico che ha insistito per arrivare a una "soluzione politica" del problema. Ma non sono soltanto il Fondo e la Bce a esprimere la loro contrarietà. Va aggiunta la Commissione europea. "Soldi freschi non ci sono", ha affermato una fonte comunitaria, quindi una possibile estensione dell'attuale programma potrebbe scadere a settembre, usando i soldi a disposizione del fondo di stabilità.



  PAG. SUCC. >