BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DALLA GRECIA/ La "foglia di fico" che può mettere d'accordo Tsipras e Ue

Pubblicazione:giovedì 4 giugno 2015

Alexis Tsipras (Infophoto) Alexis Tsipras (Infophoto)

Ieri, l'atmosfera era elettrica. Si spera che le "istituzioni" daranno una "foglia di fico" al governo per far accettare ai parlamentari Syriza l'accordo; oppure insisteranno per obbligare l'attraversamento della "linea rossa"? Nel secondo caso, il governo si troverebbe in difficoltà. In ogni caso, dicono fonti governative "si arriverà a un accordo", e che soltanto allora verrà versata la rata del debito verso il Fmi.

Dalla sede di Syriza, dove ieri si è riunita la segreteria politica, gli animi sono agitati, così pure nel gruppo parlamentare che ha chiesto una riunione d'urgenza. La domanda è sempre la stessa: l'accordo rispetterà le promesse elettorali?  Un'altra domanda se la pone l'opinione pubblica: quanti e quali saranno i nuovi sacrifici? Andremo a elezioni nel caso in cui non si arrivi a un accordo? E se elezioni saranno, con quali fondi? E nel frattempo che cosa succederà al Paese? Già si mormora sulle possibili date di elezioni anticipate: 28 giugno o 5 luglio. Sono sufficienti le parole di Tsipras: "Abbiamo quattro anni, meno quattro mesi per applicare il nostro programma"?  Da oggi in avanti, il primo ministro dovrà dimostrare ai suoi "compagni" chi decide in ragione della tanto citata, spesso a sproposito, "volontà popolare", e alla volontà popolare che è in grado di governare con i fatti e non con parole. 

Quattro mesi sono stati spesi in chiacchiere e ricatti. Quella "simpatia" che aveva accompagnato la vittoria di Syriza e che aveva portato all'accordo del 20 febbraio è svanita. La Grecia è nelle mani di 149 prodi che ne decideranno il futuro. Tra di loro si possono trovare persone serie e responsabili, nostalgici della collettivizzazione e sognatori. E poi i nostalgici del culto della personalità: "Tsipras è un leader mondiale, di quelli che ne nasce uno ogni cent'anni". È un mix tra l'ex presidente brasiliano Lula e Che Guevara.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.