BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

OLTRE IL 3%/ Ecco perché l'Europa dira di sì a Renzi

Infophoto Infophoto

Si considerino anche due fattori esterni: in primis, dopo il caso greco, l'Europa davanti a proposte serie di riforma sarà meno rigida sui vincoli di bilancio; in secondo luogo, la stessa operazione - come abbiamo più volte raccontato - è riuscita in Spagna: in virtù di un taglio consistente della pressione fiscale, il rapporto deficit/Pil era salito al 5,5% ma oggi è al 4,5% e la Spagna è l'economia che nell'ultimo anno ha avuto la performance migliore, anche per effetto di questo taglio. Chi ironizza sul caso spagnolo, dovrebbe ricordare che nel 2012 Madrid è stata a un passo dal default.

È più che probabile che il premier abbia voluto annunciare ora la riforma del fisco per ragioni di consenso politico. Tuttavia, va quantomeno portato a termine il Jobs Act, in particolare nella parte riguardante politiche attive e Agenzia nazionale del lavoro. Ma questo è un punto che passa dalla revisione della riforma del Titolo V della Costituzione che ha conferito le deleghe del lavoro alle regioni. A parte qualche caso virtuoso, che va preservato, il disastro di Garanzia Giovani è la prova che nella maggior parte dei casi ciò ha prodotto poco ed è costato molto.

In sintesi, gli italiani seri, quelli che parlano poco e lavorano molto, dissentono da Padoa Schioppa; non è detto che siano renziani, ma vogliono pagare meno tasse. Agli altri lasciano volentieri le chiacchiere.


Twitter @sabella_thinkin

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/07/2015 - Renzi costringa Ue a refalzionare (Carlo Cerofolini)

Renzi nell’Ue, anziché cercare l’allentamento dei vincoli contro riforme che poi non risolvono, anzi, dovrebbe puntare con forza sul rispetto delle regole dell’Ue stessa che fissano al 6% il surplus nel triennio della bilancia dei pagamenti delle varie nazioni, mentre da anni questo limite è impunemente superato da Germania (7%), Olanda (10,9%), Svezia (6,8%) e Danimarca (6,3%). Infatti se questo limite fosse rispettato, costringerebbe dette Nazioni a reflazionare cioè a distribuire centinaia di miliardi (stipendi & C.) in favore dei loro cittadini che così - potendo spendere questi denari - farebbero ripartire alla grande l’economia dell’intera eurozona. Sveglia!

 
22/07/2015 - non deve tagliare le tasse? (RUGGIERO DAMBRA)

sabelli renzi deve fare solo il da farsi e basta?mi spiego per prima cosa deve fare venire fuori il lavoro nero specialmente nel nordest dove il fatturato che fanno il 70% viene dalla gente che in casa e' non denucia niente,anzi prendono la disoccupazione questa e la terra amata della lega nord?poi deve solo scovare i 250 miliardi di euri che gli evasori che non pagano un euro bucato di tasse facendo solo queste due cosa assiduamente in tutto il territorio l'italia sarebbe il primo paese al mondo per benessere?i colpevoli sono sempre gli stessi prima i sindacati che sanno tutto e non fanno niente specialmente per il lavoro nero?poi i soliti che gridano sempre niente va bene e intanto non pagano mai il dovuto? il tutto a discapito dei soliti pensionati e' lavoratori dipendenti?i soli che pagano tutto e mantengano i parassiti dello stato italiano