BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TAGLI ALLA SANITÀ/ Campiglio: così aumentano le disuguaglianze tra gli italiani

Pubblicazione:martedì 28 luglio 2015

infophoto infophoto

La maggior parte dei medici sono persone serie e scrupolose, travolte sempre più spesso da una burocrazia invadente. Occorre riconoscere il ruolo particolarissimo svolto dai medici di base, i quali sono in genere molto attenti a prescrivere alle persone esami mirati solo quando hanno problemi di salute.

 

La prevenzione è solo un costo?

Niente affatto. La medicina moderna dispone di una diagnostica sempre più sofisticata, che consente di prevenire situazioni che altrimenti diventerebbero molto costose sul piano pubblico ma anche privato.

 

Che fine farebbe questa diagnostica con la nuova misura del governo?

C’è il rischio che diventi privata, che siano tagliate le spese per gli investimenti o che magari alla sanità pubblica rimangano tecnologie troppo vecchie rispetto a quelle utilizzabili.

 

Ci sono altre aree, diverse dalla sanità, su cui è possibile tagliare?

Oggi lo spreco ha una forma diversa da quella che generalmente si tende a pensare. Lo spreco vero è quello delle posizioni di rendita, cioè di potere, in base a cui un soggetto ottiene di più non perché sia più bravo, ma in quanto è un privilegiato. Per esempio la nuova Brebemi oggi è poco utilizzata perché il pedaggio è troppo costoso.

 

Che cosa c’entra con il taglio degli sprechi?

L’esempio più imbarazzante di spreco in Italia è rappresentato proprio da modalità di concessione autostradale che vanno troppo a beneficio di posizioni di pura rendita. A farne le spese sono le tasche dei cittadini. Potremmo fare un lungo elenco di posizioni di rendita, che non sono in primo luogo le pensioni, ma soprattutto quei favori che dipendono dal livello politico. Non dimentichiamo che dalla politica dipende un enorme potere di nomina, che altro non è se non l’esercizio di un potere di rendita.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
28/07/2015 - Tempi della sanità (Duilio Sala)

Ma la sanità non era il fiore all'occhiello della Regione Lombardia? Giusto questa mattina ho chiesto l'appuntamento per una visita specialistica e mi sono sentito dare questa data : 20 ottobre. Sarà giocoforza per me chiedere (e pagare!) una visita privata. E vogliono tagliare ulteriormente i costi ? Cordialità, Duilio

 
28/07/2015 - POVERI NOI (michele pasciuta)

L'ennesima scure è pronta ad abbattersi sulla sanità. L'art. 32 della Costituzione Italiana (il quale recita: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività), i nostri politici, nel corso degli ultimi decessi se lo sono messo sotto il c...lo. Perchè non incominciano a dare l'esempio tagliando le loro spese relative a chierurgia e medicina estetica e quant'altro negato alla gente comune? Oggi molti più malati e partorienti muoiono in ambulanza alla ricerca del posto letto in ospedale. La vogliamo smettere di tagliare le spese colpendo sempre la gente comune? Della volontà popolare questi politici se ne strafottono veramente? Che fine ha fatto il referendum sull'acqua potabile? Politici vergognatevi! Sentire poi Brunetta sostenere che la pensione per i lavoratori comuni ed avanti con gli anni, dovrebbe essere calcolata col sistema retributivo è semplicemente scandaloso. Il Sig. Brunetta vuole spiegare agli italiani come funziona il trattamento pensionistico riservato ai parlamentari e consiglieri regionali?