BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

GREXIT/ Da Alexis Carrel a Nietzsche per capire la crisi greca

Vladimir Putin (Infophoto)Vladimir Putin (Infophoto)

A questo punto, chi è più esposto sul versante greco, comincia a tremare, ossia la Germania per prima; c) Tsipras ha giocato la carta referendum in due tempi: primo tempo secco, diciamo no e facciamola finita; secondo tempo: il no è strategico, nel senso che apre una nuova stagione europea e perfino europeistica, per una nuova Europa dei "valori". Perché questo nuovo tornante? Ovvio: perché Putin sta coprendo il banco dalle speculazioni e Putin vuol dire le casse del Tesoro della Russia piene zeppe di oro fisico, a salvaguardia, modello simil-Gold Standard, non solo del rublo, ma anche delle esportazioni e degli investimenti infrastrutturali di cui la Russia ha molto bisogno. A fianco di questa missione storica di salvezza della Santa Madre Russia da parte di Putin, nello scenario ancora determinato dalle deliranti sanzioni contro il nuovo (e geniale) Zar, c'è il Patriarca di Mosca, Alessio II, personalità di non poco peso spirituale e politico, e tutta la nuova Ortodossia cesaropapista russa, un assetto contro lo stravolgimento dei valori di base, dalla vita al gender per finire ai matrimoni fra omosessuali, voluti dall'Europa e legittimati anche da Obama. 

3) In altri termini: Tsipras si sta inserendo in questo nuovo scenario di resistenza all'occidentalismo nichilista di stampo euroatlantico e burocratico, che usa la finanza per strangolare i popoli e svuotarli dei valori tradizionali costituenti e costitutivi. L'esempio della resistenza del governo ungherese guidato da Viktor Orban, al di là del solito chiacchiericcio politically correct, si inserisce in questa nuova corrente che ricongiunge l'Europa alla Russia, passando per la Grecia e provocando anche l'Italia a trovare una strada che non sia il solito renzismo del compromesso al ribasso, sì a questa Europa, ma attenzione alla Russia. Berlusconi sta ritrovando smalto proprio nella cornice di questa nuova dimensione strategica mondiale geopolitica, che fa capo alla Russia di Putin, e questo è solo l'inizio.

4) Cosa sanno i greci di tutto questo? Probabilmente molto poco, nel dettaglio, ma sanno che quel che hanno già visto sin qui porta un solo nome: morte. E anche loro sanno che, se proprio si deve morire, che lo si faccia avanzando - di qui il nuovo paradigma di Tsipras: nuova Europa dei valori -, anziché rinchiusi nelle casematte, strangolati dall'austerità. Ecco, solo a questo punto, dopo la disamina dell'intera vicenda greca, le parole di Nietzsche risuonano profetiche: "Questi genealogisti della morale si sono mai, sino a oggi, anche solo lontanamente immaginati che, per esempio, quel basilare concetto morale di "colpa" ha preso origine dal concetto molto materiale di "debito"?" (Genealogia della morale, 1887). 

© Riproduzione Riservata.