BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPY FINANZA/ La "scommessa" dietro al ping-pong tra Grecia e Ue

Yanis Varoufakis (Infophoto) Yanis Varoufakis (Infophoto)

E ricordate, il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, è un esperto di teoria dei giochi, un seguace di John Nash. Guarda caso, co-autore con Martin Shubik della "Dollar Auction". Rifletteteci. E ricordate sempre a quali interessi fa storicamente riferimento il Fmi. Lo stesso organismo che giovedì - pur non intervenendo direttamente - ha casualmente fatto circolare un report preparato prima che la crisi greca precipitasse, nel quale si diceva non solo che Atene avrebbe bisogno di ulteriori 50 miliardi di euro di aiuti da qui al 2018, ma anche - e soprattutto - che servirebbe un altro haircut sul debito nel solco di quello del novembre 2012, tale da ottenere una taglio pari al 30% del Pil. Guarda caso, l'argomento principale dell'ultimo messaggio di Tsipras alla nazione, ieri pomeriggio. 

Di fatto, il Fmi ha aperto il vaso di Pandora e fatto non si sa quanto involontariamente e incautamente campagna elettorale per il "No". Vuoi vedere che la Lagarde, oltre a essere l'accelerante dell'incendio doloso in atto, è anche la banditrice d'asta? 

© Riproduzione Riservata.