BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTERA/ 4 idee per rendere più "ricco" il Mezzogiorno (senza assistenzialismo)

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Caro direttore, vogliamo che le provocazioni lanciate da Giorgio Vittadini nel suo editoriale del 7 agosto non cadano del vuoto. Ci permettiamo, così, di suggerire alcune conseguenze che derivano dall'impostazione che lui ha dato alla questione del Mezzogiorno, che in questi giorni pare essere tornata di interesse comune.

Innanzitutto due premesse che, da siciliani, ci stanno particolarmente a cuore. In primo luogo, è maturata in noi la consapevolezza che l'assistenzialismo, che ha così profondamente e negativamente segnato la storia recente della nostra regione, è stato un patto scellerato di cui anche noi siamo stati parte. Un patto per il quale, in cambio di un "certa minima" sicurezza, abbiamo rinunciato a sviluppare la nostra creatività e ad assumerci fino in fondo la responsabilità per il nostro futuro e per quello dei nostri figli. Per questa ragione sappiamo e vogliamo che la prima mossa per sottrarci alla mortale morsa del 'assistenzialismo non può che venire da noi stessi.

In secondo luogo, anche noi dobbiamo imparare  a conoscere meglio, come dice Vittadini, quello che c'è e che può nascere, per sostenerlo e svilupparlo. Ciò non è scontato e, dobbiamo ammetterlo, tante volte, troppe, non conosciamo la ricchezza che ci è vicina.

E allora, cosa ci proponiamo?

1) La prima provocazione la facciamo a noi stessi, che abbiamo a cuore il presente e il futuro della nostra Sicilia. Assumiamoci fino in fondo la responsabilità di conoscere ciò che c'è e ciò che può nascere, per sostenerlo e svilupparlo in un lavoro che sia comune e solidale; prima di invocare il giusto intervento delle pubbliche istituzioni facciamo tutto ciò che è possibile in questa direzione.

2) Chiediamo che gli interventi pubblici siano indirizzati a queste finalità.

Ci siamo chiesti cosa può facilitare questa responsabilità? Cosa può aiutare ciò che c'è e cosa può aiutare a far nascere una nuova responsabilità? Ecco quattro idee:

a) rinunciamo come meridionali a ogni tipo di sussidio, di intervento a pioggia, di incentivo in cambio di una reale detassazione per gli investimenti, per chi reinveste gli utili in azienda, per chi vuole avviare e sviluppare nuove imprese;

b) una legislazione che permetta, nel Mezzogiorno, una reale flessibilità nei rapporti di lavoro, anche in funzione del territorio in cui sono insediate le imprese, e che favorisca, quindi, l'avvio di nuove imprese;


  PAG. SUCC. >