BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E POLITICA/ Dalla Cina un "assist" per Renzi

Pubblicazione:domenica 23 agosto 2015

Xi Jiping (Infophoto) Xi Jiping (Infophoto)

"La notizia della mia morte è fortemente esagerata". Se Xi Jinping fosse spiritoso come Mark Twain dovrebbe inviare lo stesso telegramma ai giornali mondiali che stanno soffiando sul fuoco della crisi cinese. Che crisi sia non c'è dubbio. Ma di che crisi si tratta? E siamo sicuri che le conseguenze saranno tutte negative per i paesi mercati emergenti e per l'Europa? 

La finanza si muove con scoppi di euforia e panico e le borse nei giorni scorsi hanno confermato ancora una volta la celebre narrazione di Charles Kindleberger. L'economia reale a sua volta cambia direzione attraverso l'alternarsi di boom e sboom. È chiaro da tempo che la Cina si era avviata su una strada pericolosa fatta di eccesso di capacità produttiva e speculazione immobiliare, debiti pubblici fuori controllo anche perché annidati in periferia e non nello sStato centrale, un'inflazione repressa e nascosta, un credito facile elargito dalle banche legate al partito comunista. 

Il cambio di passo, anzi addirittura di modello economico, è quel che predicano Xi e Zhou, i due uomini più potenti, cioè Xi Jinping il gran capo del partito e dello stato e Zhou Xiaochuan, il governatore della banca centrale che ha convinto la nomenklatura comunista a svalutare il renminbi, la moneta del popolo. La svolta è complessa e dolorosa, ormai anche i nostalgici del Gosplan avranno capito che non può avvenire in modo pianificato, bensì attraverso una crisi strutturale. 

L'era dell'armonia, da tempo proclamata, non esiste, né sotto il capitalismo, né sotto il comunismo pianificato e tanto meno con il comunismo di mercato. Le bolle scoppiano non si sgonfiano, il problema è ridimensionarne l'esplosione e contenerne gli effetti. Nel 2008 i paesi occidentali non ci sono riusciti. E la Cina ha offerto loro una ciambella di salvataggio, spingendo al massimo la sua economia. Oggi tocca all'Occidente fare da ammortizzatore e aiutare la transizione cinese. È nel loro interesse oltre che in quello dell'economia mondiale. Come?

Gli Stati Uniti possono dare una mano innanzitutto rinviando l'aumento dei tassi d'interesse. Ma c'è anche un filo che collega Pechino, Berlino, Atene e Roma. Bisogna saperlo interpretare e soprattutto essere in grado di prenderlo in mano. Il filo si chiama in realtà domanda interna. 

Come in Cina si chiude l'era della Fabbrica mondiale per cercare un nuovo equilibrio tra industria e servizi, tra accumulazione e distribuzione, così in Europa tramonta l'era dell'export a tutti i costi e dell'austerità. Il modello, che la Germania ha saputo mettere a frutto meglio di ogni altro, era basato su una repressione della domanda interna (salari, pensioni, welfare) e un pizzico di protezionismo, compensato dal primato della domanda estera verso l'Estremo oriente e il Sud America. Ciò ha prodotto una sorta di perversione neomercantilistica che ha fatto accumulare alla Germania un attivo della bilancia con l'estero pari al 7%, superiore a quello cinese nella fase della grande espansione. Oggi è chiaro che il primo motore deve diventare domestico. 

Il riequilibrio dovrebbe riguardare anche i mercati emergenti. Piangono per la riduzione dei prezzi delle materie prime, ma anche il loro modello di sviluppo, trascinato dalla fame cinese di soia, derrate alimentari, energia, era sballato. 


  PAG. SUCC. >