BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIPRESA?/ Tre riforme necessarie per sollevare l'Italia "zoppa"

Infophoto Infophoto

Il problema di fondo dell’Italia è che il Paese è spaccato in due. Metà nazione va piuttosto bene ed è agganciata all’Europa del Nord, mentre l’altra metà è completamente bloccata. Sarà fondamentale trovare le condizioni per fare ripartire il Sud, e ciò potrebbe produrre degli effetti molto positivi sulla “media Paese”. La grande sfida è fare ripartire il Mezzogiorno. I dati nazionali sono una media tra un’area che va molto bene e una veramente depressa. Stimolare il Sud può dare un impulso molto importante.

 

Padoan ha parlato di un taglio delle tasse per le imprese del Sud. E’ la soluzione giusta?

La trappola del sottosviluppo nel Sud dipende da numerosi fattori. Per esempio dalla criminalità organizzata e dalla mancanza di infrastrutture, soprattutto strade e ferrovie. E’ difficile risolvere il problema agendo su un solo fattore, però è chiaro che anche il taglio delle tasse può essere un punto di inizio.

 

Maggiori investimenti sono sinonimo di maggiore spesa. E’ davvero possibile?

L’Italia può cogliere il volano del piano Juncker, anche se quest’ultimo non è un piano per gli investimenti pubblici ma soprattutto per stimolare quelli privati. Il problema degli investimenti pubblici resta, in quanto alcuni sono a bassa redditività, e quindi è difficile trovare le risorse finanziarie.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.