BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPILLO/ La "profezia" di Bill Gates mette in crisi le banche

Bill Gates (Infophoto) Bill Gates (Infophoto)

Secondo detonatore la disponibilità di tecnologia a un costo che si riduce esponenzialmente ogni anno, sfruttando il cloud e i server affittati da Amazon Web Services. Terzo elemento le piattaforme social, che hanno oggi molti più clienti delle grandi catene retail e dei clienti sanno leggere i gusti e i comportamenti senza incontrarli fisicamente. La miscela composta da sharing-economy, tecnologia low-cost, e-commerce e gestione di grandi community di utenti è assolutamente esplosiva e in grado di sovvertire ogni settore. Le regole del gioco sono totalmente cambiate e per sempre.

Anche il settore bancario non è più protetto da nuovi concorrenti, anzi è vulnerabile perché è lento e goffo. Il suo gigantismo, la sua potenza, i suoi costosi mainframe e complessi software una volta erano barriere all’ingresso nel settore, oggi sono diventati limiti e debolezze.

Se Uber e Airbnb non possiedono né le auto, né le case che affittano può esistere una banca senza capitale o reti di sportelli? I molti casi di successo (Lending Club, Prosper, Funding Circle…) dimostrano che già ora è possibile. ApplePay, PayPal e Square stanno risucchiando enormi flussi e profitti dal sistema dei pagamenti. I giganti bancari sono aggrediti da una molteplicità di nuovi operatori, dagli Usa alla Cina all’Australia; i consumatori e le imprese trovano facilmente su internet i migliori servizi finanziari, cercano nelle piattaforme semplicità e velocità disaggregando e ricomponendo a piacimento il menu di servizi di cui hanno bisogno senza più fare tutto con una sola banca e ottenendo un’esperienza digitale di grande soddisfazione.

Combattere i nuovi operatori sul loro terreno fatto di tecnologia, agilità e dedizione maniacale al servizio al cliente non sarà semplice per un settore che ha sempre dato per scontato il monopolio dei clienti. La profezia del 1994 di Bill Gates (“i servizi bancari sono essenziali, le banche non lo sono”) si sta avverando 20 anni dopo.

© Riproduzione Riservata.