BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERSO IL DEF/ "L'abbaglio" sul rialzo del Pil

Pubblicazione:sabato 19 settembre 2015

Pier Carlo Padoan (Infophoto) Pier Carlo Padoan (Infophoto)

Certamente il nostro governo deve tenere conto della situazione di incertezza a livello internazionale, anzi sarebbe strano il contrario. Il punto è che quella della Fed è una non decisione. A mio modo di vedere bisognerebbe incominciare a pesare i rischi di queste non decisioni. Tenere i tassi a zero per un periodo così lungo comporta delle incognite che cominciano a essere molto serie. La domanda che dobbiamo porci è dove si formerà la prossima bolla.

 

Lei si aspetta che si formi una nuova bolla?

Penso proprio di sì, anche se quando ce ne accorgeremo sarà tardi. Con tassi così bassi si perde la cognizione del rischio, perché quest’ultimo non è più prezzato. È quanto è avvenuto prima della crisi del 2007-2008. Un lunghissimo periodo di tassi molto bassi ha fatto sì che si realizzassero investimenti che si sono rivelati poi straordinariamente rischiosi, tanto da provocare la crisi. E oggi stiamo replicando quel contesto.

 

Che cosa dovrebbe fare il governo di fronte a questo scenario?

Dal momento che abbiamo un po’ di ripresa, addirittura superiore a quanto avevamo previsto, questo è il momento per avviare l’aggiustamento del bilancio pubblico. Invece il governo sembrerebbe intenzionato a fare maggior deficit, e a me questa sembra una scelta irresponsabile.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.