BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ Caso Volkswagen, il "missile" degli Usa contro l'Europa

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Guardate il grafico a fondo pagina, potrebbe essere la rappresentazione del trade dell'anno. Venerdì scorso, infatti, scommettere sul dimezzamento del valore del titolo Volkswagen costava 1 centesimo, lunedì la stessa opzione put costava 70 centesimi all'Eurex in Germania: qualcuno ha fatto una vagonata di soldi. Di più, otto dei contratti che hanno visto l'apprezzamento maggiore sulla piazza tedesca erano ribassisti su Volkswagen e Porsche. D'altronde, il gigante tedesco se l'è cercata: ha imbrogliato sulle emissioni dei suoi motori diesel e ora è giusto che paghi. E ha già pagato caro, visto che con il calo del 23% del valore del titolo ha bruciato 16 miliardi di euro di market cap, più del valore dell'intera Peugeot-Citroen. 

E pare che la cosa non sia finita, perché le opzioni che scommettono su un calo del titolo a 100 e 120 euro entro dicembre sono state le più scambiate lunedì: come i pescecani, ci si lancia sulla carcassa dell'ex colosso i cui piedi d'argilla sono ormai noti a tutti. Qualcuno sapeva prima dell'inchiesta dell'Epa statunitense? Ovviamente sì, perché l'intera operazione puzza lontano un miglio. Basti vedere le reazioni. 

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha infatti avviato un'indagine penale sulle accuse mosse a Volkswagen dall'Epa, l'agenzia federale statunitense per la protezione ambientale, per la presunta manipolazione delle centraline di controllo delle emissioni di alcuni motori diesel. L'indagine, stando a indiscrezioni provenienti dagli Stati Uniti, è condotta dall'ufficio Ambiente e Risorse Naturali del dicastero statunitense: niente di meno, accipicchia. Non si sono mossi quando il Golfo del Messico annegava nel petrolio, ma per schiantare un concorrente diretto sul mercato europeo dimostrano riflessi veramente felini. 

E ancora, la Francia - Paese il cui settore automobilistico è strutturalmente sovvenzionato dallo Stato ma nessuno dice nulla - ha sollecitato «un'inchiesta a livello europeo» dopo la rivelazione che la casa automobilistica tedesca installava su determinati modelli diesel un programma per ingannare i controlli anti-inquinamento negli Stati Uniti. «È necessaria un'indagine per tranquillizzare i cittadini e anche controllare le altre case automobilistiche europee», ha dichiarato il ministro delle Finanze, Michel Sapin. Immediatamente una fonte comunitaria ha fatto sapere che la Commissione europea è in contatto con le autorità tedesche e con la Volkswagen e vuole che sulla questione del software per ingannare i controlli sulle emissioni sia fatta luce, ma non ha poteri per avviare un'indagine di settore. La fonte ha spiegato che la possibilità di far partire un'indagine a livello Ue riguarda solo il settore della concorrenza e in ogni caso la competenza sui test sulle automobili è della Direzione generale industria, guidata dalla Commissaria polacca, Elzbieta Bienkowska. Essendo polacca non sarà così stupida da far partire una commissione che sarebbe un regalo di Natale anticipato per i produttori Usa e giapponesi. 

Marcel Fratzscher, presidente dell'istituto di ricerca economica Diw, ha infatti dichiarato che «il danno all'immagine di Volkswagen sarà costoso, non solo negli Usa ma a livello globale. Di conseguenza saranno in pericolo posti di lavoro sia in Volkswagen che nelle aziende fornitrici». Fratzscher ha quindi sottolineato che ora è cruciale limitare i danni per le altre aziende esportatrici, visto che finora Volkswagen è stata vista come una sorta di pubblicità per tutti i prodotti tedeschi. 

 


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
23/09/2015 - Sali sul ring? (marco pezzi)

Europa sali sul ring? Combatti con dazi doganali??? Come con la Russia per caso??? Certo se vogliamo affossare istantaneamente e definitivamente qualsiasi speranza economica europea. Complimenti...per la miopia.

 
23/09/2015 - rocket è diverso da Crokett (Claudio Baleani)

Confondendo rocket (razzo, missile) con Crokett, patriota americano, il caso Volkswagen diventa una congiura americana. I tedeschi nel 2008 montarono una delle più grandiose speculazioni di borsa della storia facendo capitalizzare un rialzo del titolo Volkswagen in due giorni del 229%. Al centro di questa storia c'era proprio Porsche. I panzer vanno alla conquista del mondo, ma incappano in qualche disavventura? Pazienza.