BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA / Da Volkswagen a Glencore, i "giganti" dai piedi d'argilla

Volkswagen, Glencore, Arabia Saudita: le difficoltà di questi giganti, spesso coperte da una sorta di ambientalismo, non vanno prese sottogamba, dice MAURO BOTTARELLI

InfophotoInfophoto

Cosa sia un asset-backed security ormai vi è noto dai tempi infausti di Lehman Brothers, ma è meglio rinfrescare la memoria, senza entrare troppo nel tecnicismo. Si tratta di uno strumento finanziario creato da una banca e "basato" su un qualche asset in garanzia, solitamente un credito che la banca vanta con un suo cliente. Gli Abs di solito sono il corrispettivo di salsicce con dentro un certo numero di crediti più o meno della stessa durata e rischiosità, ad esempio una serie di mutui che scadono in un certo mese, con una categoria più o meno omogenea di garanzie e categorie più o meno omogenee di mutuatari. 

Una parte essenziale della trasmissione del credito dalla Bce alle banche e poi dalle banche ai clienti è rappresentato proprio dallo "sconto" presso la Bce, ovvero le banche se hanno bisogno di denaro fresco da prestare ai clienti prendono i loro crediti, li impacchettano in un Abs, lo presentano alla Bce e l'Eurotower fornisce liquidità per una percentuale del valore nominale dell'Abs e applica un tasso di interesse. 

Bene, prima ancora che sia il mercato delle vendite a emettere la sentenza di colpevolezza verso Volkswagen, ci ha pensato qualcun altro: la Bce ha infatti deciso di sospendere l'acquisto di Abs garantiti da titoli VW. Lo hanno reso noto fonti vicine all'operazione, a detta delle quali l'istituto di Francoforte svolgerà una revisione prima di prendere una decisione finale su un'eventuale esclusione permanente dell'acquisto di questi asset dal piano di acquisti della Bce. In parole povere, Mario Draghi ha deciso di non scontare più Abs con all'interno debito della Volkswagen. 

Cosa significa questo? Due cose: primo, la Bce considera il debito di Volkswagen a rischio, più o meno come quello greco, e, secondo, la Volkswagen dovrà pagare un forte premio alle banche per ottenere altro credito, perché il suo debito non è più eligibile per essere scontato dalla Bce. Scusate, ma l'Eurotower non era di fatto un'emanazione della Bundesbank, dove solo i tedeschi prendevano le decisioni che più facevano loro comodo? Così, tanto per sapere. Forse, invece, la questione è differente: ovvero, gli Usa hanno assestato un colpo micidiale all'industria tedesca e al surplus commerciale di Berlino che più volte Washington aveva attaccato, mentre ora Mario Draghi - uomo Goldman Sachs, meglio ricordarlo sempre - può chiudere i conti con gli avversari di sempre, ovvero Wolfgang Schauble e Jens Weidmann, indeboliti dallo scandalo. 

Le mie potranno anche essere solo delle supposizioni, resta il fatto che la Bce non acquisterà più Abs che contengano debito Volkswagen, soprattutto all'interno del suo programma di Qe e i costi del finanziamento sul mercato per la casa tedesca sono già saliti. E molto. A inizio anno, Volkswagen poteva finanziarsi sul mercato allo 0,7% di interesse sul lungo termine, praticamente nulla, ora invece il rendimento richiesto è già salito al 2,3%! Un aumento del premio di rischio enorme, a fronte del quale il credit default swap dell'azienda è schizzato alle stelle, con quello a 5 anni triplicato a quota 227.4 punti base venerdì scorso.


COMMENTI
29/09/2015 - WV (beniamino zanella)

ottimo l'articolo per come viene illustrato il pericolo del problema WV in italia, ma dire che la politica verde è una porcata ce ne passa. spero che tu non abbia figli o nipoti perchè è la gente come te che darà loro un futuro pieno di problemi. ti dice niente l'isola di pasqua??? vedila un pò più in grande e capirai cosa ci aspetta

 
29/09/2015 - Terrorismo ambientalista? (Franco Labella)

A voler essere coloriti direi che il comportamento di Volkswagen a Napoli lo chiamerebbero "fare il pacco", è quello offerto al malcapitato di turno con dentro il mattone al posto del portatile mostrato prima. A voler essere, invece, analitici vendere un prodotto con qualità effettive diverse da quelle dichiarate si chiamerebbe, codice penale italiano alla mano, truffa in commercio. E tutto questo ha a che vedere col "terrorismo ambientalista"? Boh... C'è, in quest'articolo, un notevole spread tra il tecnicismo degli ABS e dello sconto e l'evidente incoraggiamento dei comportamenti truffaldini in considerazione (pare) degli effetti economici anche interni del ruzzolone tedesco. Da insegnante di materie giuridico-economiche,poi, mi faccio una domanda: ma se i miei studenti me lo dovessero chiedere cosa gli dico che tutto sommato ci si poteva tenere il software taroccato perchè tanto gli effetti dell'inquinamento sono nel lungo periodo (nel quale , come ammoniva Keynes, saremo tutti morti) o, invece, vale la pena di pretendere il rispetto delle regole? Mi piacerebbe conoscere la risposta del "britannico" Bottarelli.