BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Draghi, chi ha "nascosto" i soldi del bazooka?

Pubblicazione:lunedì 7 settembre 2015

Infophoto Infophoto

Quindi, non mancano critiche al Qe. Occorre, però, vedere lo strumento in prospettiva. In primo luogo, la Bce ha poche frecce al suo arco. Vale la pena dare atto che non ha mai fatto mancare liquidità al sistema; il nodo è piuttosto come e perché la liquidità fornita dalla Bce (inclusa quella derivante dal Qe) si ferma nei meandri, ove non labirinti, del sistema bancario e non arriva ad imprese e consumatori. Questo dovrebbe preoccupare l’esecutivo Bce perché è la critica maggiore e più tagliente degli oppositori del Qe in seno allo stesso Consiglio dell’istituto. Il Qe dovrebbe essere il lubrificante dell’economia reale, ma come ha correttamente detto Deaglio serve al più ad operazioni finanziarie, a “legittime speculazioni” che non incidono, però, sulla crescita dell’eurozona.

In effetti, per mordere dovrebbe essere affiancato da due altri strumenti. Da un lato, una maggiore flessibilità nell’interpretazione dei vincoli del Trattato di Maastricht e del Fiscal Compact: concepiti, soprattutto il primo, in tempi ben diversi ed allestito il secondo per rafforzare il primo senza chiedersene le ragioni più profonde. Da un altro, quelle liberalizzazioni (soprattutto di mercati chiusi come quelli delle professioni o dell’agricoltura) e privatizzazioni che incidono sulla produttività. Altrimenti, il Qe non è un bazooka ma una freccia spuntata lanciata da tiratori dubbiosi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.