BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BANCHE E POLITICA/ Mazzotta: senza bad bank l'Italia è spacciata

Infophoto Infophoto

La bad bank sarebbe una società che acquista il credito anomalo dalle banche, emettendo sul mercato titoli di debito propri per finanziare l’operazione di acquisto. Il nodo è che i titoli di debito della bad bank dovrebbero essere garantiti da qualcuno. La speranza è che ci si decida a compiere comunque questa operazione, senza la quale il sistema bancario italiano si troverebbe appesantito. Nell’interlocuzione con i funzionari di Bruxelles, che applicano regole approvate da tutte le autorità politiche, speriamo che il nostro governo riesca a dimostrare la sua capacità negoziale.

 

Intanto però il governo è corso a salvare le quattro banche in difficoltà e chi ci ha rimesso sono stati i piccoli risparmiatori. Che cosa ne pensa della politica bancaria del nostro governo?

Il salvataggio delle quattro banche è avvenuto in applicazione delle regole europee. Non dimentichiamoci le polemiche sorte ogni volta che in passato si è trattato di usare denaro pubblico per salvare le banche. Con le nuove regole i salvataggi sono realizzati coinvolgendo gli interessi di azionisti e sottoscrittori di titoli di debito. Se non si voleva che fossero questi ultimi a pagare, era necessario che i salvataggi bancari fossero realizzati dal contribuente. Se non sono fatti dal contribuente devono avvenire a carico degli azionisti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.