BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MERCATI 2016/ 2. Brexit, Cina, crescita Ue: la City è pensosa sull'anno che verrà

Infophoto Infophoto

L’Europa ha un disperato bisogno di crescere per mantenere la sostenibilità del debito, ma non si intravede all’orizzonte una concertata e credibile politica di investimenti. A questo si aggiunga la crisi dell’immigrazione e il rafforzarsi di partiti populisti e anti-immigrati, come il Front National in Francia. Peter Westaway, chief Europe economist di Vanguard Asset Management, sostiene che il rischio di una spaccatura nel sistema della moneta unica sia oggi molto più ridotto rispetto a qualche anno fa. “Il rischio che paesi come la Grecia possano essere buttati fuori dall’unione monetaria o lasciarla volontariamente è oggi molto più basso”, dice Westaway. Quello che piuttosto viene percepito come un rischio molto serio per l’Europa sono gli ostacoli che ancora frenano un funzionamento più efficace della moneta unica. Secondo l’economista, i paesi europei dovranno lavorare insieme alla formazione di una migliore unione bancaria, fiscale e politica.

Ma tra gli ostacoli e le sfide che ancora si frappongono a questo obiettivo c’è per esempio il rischio di una “Brexit”, ovvero la possibilità che la Gran Bretagna voti quest’anno di lasciare l’Europa. “L’immigrazione sarà il principale fattore” che peserà sul referendum, dice Westaway. La crisi dell’immigrazione ha portato molti paesi a irrigidirsi su posizioni nazionaliste. Queste tensioni contribuiranno ad aumentare le possibilità che la Gran Bretagna decida di lasciare l’Ue perchè “la gente è preoccupata” e voterà “senza realmente pensare alle conseguenze economiche”, sottolinea Westaway. C’è poi l’incognita rappresentata da eventi inaspettati e imprevisti, che gli investitori chiamano “Black Swan”, cigno nero. Si tratta di eventi non prevedibili, ma che avranno un impatto sui mercati finanziari. Per esempio, una crisi petrolifera provocata da un attacco terroristico devastante a un importante oleodotto in Medio Oriente, o lo scoppio di un nuovo conflitto scatenato dalla crisi dell’immigrazione.

© Riproduzione Riservata.