BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Borsa Italiana/ Ultime notizie live e news: chiude a -4,83%. Mps scende più del 22% (oggi, 20 gennaio 2016)

Borsa Italiana, l'andamento live con le ultime notizie da Piazza Affari e le news sui principali titoli quotati sul Ftse Mib. Uno sguardo anche ai cambi e allo spread

Infophoto Infophoto

Un’altra giornata da dimenticare per Piazza Affari, con il Ftse Mib che chiude la giornata a -4,83%, scendendo sotto i 18.000 punti. Inutile dire che le perdite più consistenti si sono registrate per le banche, in particolare Mps e Carige. La prima non è riuscita nemmeno a chiudere le contrattazioni, sospesa poco prima delle 17:20 con un calo teorico vicino al 23%, mentre la seconda ha terminato a -17,76%. Nel pomeriggio sul listino principale si sono avute moltissime sospensioni al ribasso e la chiusura è stata particolarmente pesante per Banco Popolare (-10,88%), Saipem (-10,44%), Unicredit (-7,77%), Exor (-7,12%), Buzzi (-7,2%) e  Bper (-7,3%). Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,09, mentre lo spread tra Btp e Bund è salito sopra i 115 punti base. Prosegue la giornata nera di Piazza Affari, con il Ftse Mib a -3,3% e il crollo di Mps. Il titolo della banca senese è ancora sospeso dalle contrattazioni per eccesso di ribasso, con un teorico -19,15%. Resta in forte ribasso anche Saipem (-8,3%), insieme ad Anima (-6%), Banco Popolare (-6,7%) ed Exor (-5,9%). Sul listino principale non ci sono titoli in rialzo. Fuori dal Ftse Mib, Carige registra un calo dell’11%. Sul tema delle banche Renzi ha incontrato questa mattina Padoan, il Governatore di Bankitalia Visco e il Direttore generale di via Nazionale Salvatore Rossi.  A metà mattina Piazza Affari cede il 3,2% e nessun titolo sul Ftse Mib risulta in rialzo. Pesantissima la situazione di Mps, che arriva alla terza sospensione dagli scambi con un ribasso teorico del 16%. Anche Saipem non scambia, con un -8,5% teorico. Sul listino principale pesanti i ribassi di Anima (-5%), Banco Popolare (-6%), Exor (-6,2%), Fca (-4,5%), Ferrari (-4,8%), Mediaset (-4,7%), Tenaris (-5%) e Unicredit (-4,6%). Contenuti i cali di Atlantia (-0,8%), Italcementi (-0,1%), Snam (-1%), Yoox (-0,2%). Fuori dal listino principale Carige è sospesa per eccesso di ribasso e un -11% teorico.  Il repentino calo del petrolio, dopo il rialzo di ieri, insieme alle chiusure negative dei listini asiatici, fanno partire in rosso le borse europee. E a Piazza Affari (-2,3%), neanche a dirlo, i titoli bancari hanno cominciato la giornata già con pesanti cali. Mps non riesce nemmeno a fare prezzo, con un -5,95% teorico. Sospesa anche Saipem, complice il calo del greggio, che è riuscita però a tornare agli scambi con un -4,5%. A2A cede il 2,5%, complice il taglio del rating a neutral da parte degli analisti di Mediobanca. Consistenti i cali di Unicredit (-4,3%), Banco Popolare (-3,8%), Bpm (-3,5%) e Intesa Sanpaolo (-3,1%). Anche Tenaris (-3,2%) e Fca (-3,1%) non vivono un buon momento. Unico rialzo sul listino principale è quello di Atlantia (+0,2%). Fuori dal listino principale, Carige cede il 6,3%. Il cambio euro/dollaro risale sopra quota 1,09, mentre lo spread Btp/Bund scende sotto i 103 punti base.

© Riproduzione Riservata.